Focaccia di Recco


Focaccia di Recco

Sommario

La Focaccia di Recco è una specialità tipica della cucina ligure, profumata e saporita vi conquisterà al primo morso!

Tempo di preparazione:
10 minuti
Tempo di cottura:
8 minuti
Quantità:
4

Ingredienti Ricetta

  • Farina 00 o Manitoba 500 gr
  • Olio Extra Vergine di oliva 50 gr
  • Acqua q.b.
  • Sale q.b.
  • Crescenza o stracchino 400 gr

Informazioni Nutrizionali

  • Porzione 100 gr
  • Calorie 290 kcal

La Focaccia di Recco è una specialità tipica della cucina ligure, profumata e saporita è tanto buona quanto complessa nel suo procedimento. La sua preparazione, quella autentica, è tutelata da un consorzio nato nel 2005 a difesa della tradizione gastronomica ligure e con l’impegno e l’obiettivo di raggiungere l’ambito e sperato titolo di IGP (Indicazione Geografica Protetta). E’ una preparazione semplice, ma con gli accorgimenti giusti il risultato finale gustoso e saporito, può essere raggiunto anche a casa.


Il formaggio utilizzato dalle aziende del consorzio è una specialità tipica e viene prodotto appositamente per gli associati. Dunque, se siete curiosi e volete assaggiare una Focaccia di Recco autentica diffidate da chi propone una semplice focaccia al formaggio, ma recatevi in un punto vendita che rispetti il disciplinare e appartenga al Consorzio Focaccia di Recco. Noi abbiamo provato a realizzarla in versione casalinga, piccole attenzioni e la scelta dei prodotti giusti per un prodotto sano e ricco di gusto. Vediamo come preparare insieme la Focaccia di Recco in questa ricetta passo passo!


Procedimento della Focaccia di Recco

  1. Come abbiamo già suggerito, è sempre la scelta dei prodotti di qualità a garantire il successo di una preparazione. Non disponendo del formaggio utilizzato dal consorzio, gli stessi associati propongono di usare uno stracchino o dell’ottima crescenza. In base ai vostri gusti potete scegliere l’uno o l’altra assicurandovi della provenienza e della freschezza del prodotto.20201019_202559
  2. Pesate la farina e setacciatela con cura.
    20201019_202726
  3. Unite in una terrina capiente la farina setacciata e fate cadere a filo l’olio Evo.
    20201019_202906
  4. Unite anche l’acqua leggermente tiepida la cui quantità dipenderà dal tipo di farina e quanto ne assorbe. Vi suggeriamo di aggiungerne poco alla volta e regolarvi dalla durezza dell’impasto se aumentare la quantità.
    20201019_202922
  5. Iniziate a mescolare tutti gli ingredienti aiutandovi con una spatola.
    20201019_202952
  6. Procedere a mano impastando energicamente.
    20201019_203110
  7. Continuate ad impastare rovesciando la massa sulla spianatoia.
    20201019_203152
  8. Impastate fin quando l’impasto sarò diventato liscio ed elastico e non presenti grumi di farina in superficie.20201019_203408
  9. Lasciate riposare il panetto in un piatto coperto da un telo pulito per almeno 30 minuti.
    20201019_203529
  10. Trascorso il tempo di riposo dividete l’impasto a metà e stendete con un mattarello realizzando una sfoglia abbastanza sottile.20201019_210315
  11. Iniziate a lavorare l’impasto con le mani allargando la pasta con i polpastrelli e lasciandola cadere dai polsi. L’impasto, essendo molto elastico, risulterà facilmente lavorabile. Dovrete ottenere una sfoglia molto sottile, quasi trasparente avendo cura di non spezzarla.
    20201019_210614
  12. Tradizionalmente, per la preparazione della Focaccia di Recco, si utilizza uno strumento circolare chiamato “testo” solitamente in rame o in ferro dove si adagia la pasta e si completa la preparazione, sigillando con cura ed eliminandone i bordi. In sostituzione, a casa, potete optare per la teglia del forno che non abbia i bordi molto alti. Adagiate la sfoglia sul fondo della leccarda spennellata con poco olio Evo e procedete al ripieno.
    20201019_210830
  13. Sistemate i pezzi di formaggio l’uno accanto all’altro.
    20201019_211045
  14. Procedete alla realizzazione della sfoglia di copertura con lo stesso metodo e sigillate i bordi.
    20201019_211659
  15. Abbiate cura di sigillare con cura i bordi con i polpastrelli per una perfetta chiusura della focaccia.
    20201019_211734
  16. Pizzicate la superficie con le dita e realizzate dei buchi sulla sfoglia.
    20201019_211806
  17. Spennellate con poco olio Evo e cospargete con un po’ di sale l’intera superficie.
    20201019_211854
  18. Infornate in forno statico al massimo di 250° per 5/6 minuti o fin quando la superficie non sarà dorata e croccante.20201019_213742
  19. Sfornate, tagliate a fette e gustate calda!
    PSFix_20201019_220339

Il Consorzio Focaccia di Recco

Questo prodotto ligure, squisito e tutelato, grazie alla sua fama e alla sua unicità ha visto nascere nel 2005 il Consorzio Focaccia di Recco il cui obiettivo principale è il tanto atteso conseguimento dell’Indicazione Geografica Protetta (IGP) come specialità gastronomica ligure.
A questo consorzio hanno preso parte ben 19 aziende liguri che rispettino, anzitutto, quelle che sono le caratteristiche promosse dal consorzio: prodotti di prima qualità e un attento procedimento di preparazione imposto dal disciplinare di produzione. Questo consorzio nasce per tutelare un prodotto autoctono unico e per frenare e tutelare l’incontrollata diffusione del prodotto che troppo spesso vìola i parametri di qualità imposti dal consorzio e prima ancora dall’antica tradizione dei panificatori liguri.

Curiosità

Il ripieno gustoso e profumato di questa deliziosa focaccia non è un formaggio qualsiasi. Nella preparazione casalinga si può scegliere tra la crescenza ed un buon stracchino, ma l’autenticità di questo prodotto è data per l’appunto dal formaggio fresco della zona di produzione tra le città di Recco e Camogli e destinato solo agli appartenenti del consorzio.


Leggi anche: Auto profumata e disinfettata

Un’altra caratteristica che deve essere rispettata per la buona riuscita della focaccia è la temperatura di cottura che deve oscillare tra i 270° e i 320°C e che può essere raggiunta solo da forni professionali mentre per la versione casalinga dobbiamo accontentarci dei 250° massimi imposti e lasciare che la focaccia cuocia qualche minuto in più per raggiungere un risultato similare.

Piccoli segreti…

Il web offre molte versioni di questa focaccia, ma per noi che siamo amanti della tradizione, se non disponiamo dei prodotti autoctoni quanto meno cerchiamo di scegliere prodotti freschi di altrettanta qualità pur non rispettando in pieno la tipicità a causa della difficoltà di reperimento della materia prima.

Uno degli errori più frequenti è l’aggiunta di lievito nell’impasto o la presenza del latte. Vi suggeriamo, dunque, di diffidare da ricette non autentiche e che soprattutto non rispettino non solo il disciplinare imposto dal consorzio, quanto l’utilizzo di pochi  e validi ingredienti per una buona riuscita della focaccia anche a casa.

Focaccia di Recco foto e immagini

Commenti: Vedi tutto