Zanzare addio: arriva la macchina che ci salverà

Ormai le zanzare sono presenti per la maggior parte dell’anno. Per fortuna, è stata brevettata una macchina per allontanarle. Vediamo di cosa si tratta. 

Zanzare addio arriva la macchina che ci salverà 4

Le zanzare, con il passare degli anni, sono diventate sempre più aggressive e fastidiose per gli esseri umani. Complici i cambiamenti climatici, non sono presenti soltanto nei mesi estivi ma fanno la loro comparsa in primavera, per sparire in autunno inoltrato. Oltre a pungerci, inoltre, ci ronzano nelle orecchie e disturbano il nostro riposo notturno.

Non si tratta solo di fastidio, molte persone, quando vengono punte, manifestano reazioni allergiche. Senza dimenticare che, in molte zone del mondo, le zanzare sono portatrici di malattie, come la malaria o la dengue.

Perciò, a cadenza annuale, ci armiamo di citronella, racchette, luci acchiappa zanzare, zampironi e, nel migliore dei casi, di zanzariere. Spesso, però, i rimedi per allontanare le zanzare non sono sempre efficaci come dovrebbero. Per eliminare dalle abitazioni l’insetto più fastidioso per eccellenza, un’azienda francese ha brevettato una soluzione.


Leggi anche: Zanzare protezione

Vediamo, di seguito di cosa si tratta e perché le zanzare sono diventate sempre più persistenti.

Zanzare addio arriva la macchina che ci salverà 3

La macchina anti zanzare inventata da un’azienda francese

Zanzare addio arriva la macchina che ci salverà 1

Per poter allontanare le zanzare, di solito ci attrezziamo, nella migliore delle ipotesi, con zanzariere fisse montate a balconi e finestre. In altri casi, ci serviamo di repellenti o apparecchi che le attraggono. Non sempre si tratta di metodi efficaci, anche perché le zanzare mutano.

La novità per allontanarle in modo efficace arriva da Qista, un’azienda francese che ha brevettato una nuova macchina in grado di risucchiare le zanzare. La macchina funziona in questo modo: emette CO2, la stessa emessa dal corpo umano. Per produrla la ricicla: è quella che emettiamo quando respiriamo. Il risultato è che a macchina emette un odore acre, simile a quello del sudore della nostra pelle.


Potrebbe interessarti: Come smaltire la condensa del condizionatore: consigli e rimedi

La macchina aspira le femmine di zanzara, quelle più attratte da questo odore, o forse dovremmo dire puzza. Non appena si avvicinano all’apparecchio, vengono risucchiate al loro interno. Ciò può avvenire in un raggio di 60 metri. Per il momento l’azienda produttrice, ha stimato che la presenza di zanzare si riduce dell’88%. Il tutto in un modo non pericoloso per l’ambiente.

La maggior parte dei prodotti chimici utilizzati per allontanare o uccidere le zanzare, infatti, inquina, danneggia l’ambiente e, molte volte, è pericoloso anche per chi abita la casa (bambini ed animali domestici in primis). Inoltre, la macchina cattura soltanto gli esemplari femmina, le zanzare che pungono.


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

La macchina acchiappa zanzare è pericolosa per l’uomo?

Zanzare addio arriva la macchina che ci salverà 2

Ai microfoni della BBC, alcuni degli ideatori hanno risposto alle domande più comuni. Tra queste, quella sulla Co2. All’azienda, infatti, è stato chiesto se l’emissione di questo gas non possa essere nociva per l’ambiente, contribuendo al cambiamento climatico. La Qista ha risposto che non viene creata nuova CO2 ma viene riciclata quella già presente nell’atmosfera, principalmente prodotta dalle aziende. 

Una macchina che è stata molto apprezzata in alcune realtà. Ad esempio, in Francia, nella cittadina di Hyères, il comune ha deciso di installare 300 macchine aspira zanzare. Lo ha fatto perché, per la città, le zanzare rappresentavano, in estate, una vera piaga. Tanto che i turisti non erano invogliati a villeggiare in zona.

Del resto, Hyères è habitat perfetto per questi insetti, essendo circondata da 1800 ettari di terreno, per lo più paludoso. Proprio lì, le femmine di zanzara preferiscono depositare le loro uova. La macchina risucchia zanzare ha aiutato molto l’economia del paese.

L’obiettivo dell’azienda francese è quello di installare (o far installare) il suo dispositivo soltanto nelle zone densamente popolate e, dunque, nelle città. In campagna, palude e altri ambienti naturali, le zanzare saranno libere di proliferare, non intaccando l’ecosistema ne gli esseri viventi che di loro si nutrono.

Dove vanno le zanzare in inverno?

Zanzare addio arriva la macchina che ci salverà 5

Durante la stagione fredda, le zanzare non sopravvivono. La temperatura ideale per permettere loro di vivere, infatti, è attorno ai 23 gradi. Ecco perché, quando fa freddo e quindi in inverno, le zanzare vanno in uno stato di simil letargo. In pratica, si prendono una pausa, mettendo il loro organismo in uno stato letargico, senza il quale non potrebbero sopravvivere. Uno stato che, però, non può superare i sei mesi.

Per poter andare in letargo, le zanzare devono nascondersi. I luoghi che preferiscono sono cave, grotte, tronchi vuoti, ma anche cantine, appartamenti disabitati o scarsamente frequentati, garage. Anche le specie più diffuse in Italia affrontano questa fase di pausa. Si tratta di: Culex pipiens e Anopheles. Purtroppo, però, stanno arrivando anche diverse specie che sopportano anche il freddo. Un esempio sono la Ades, nella specie proveniente sia dal Giappone che dalla Corea.

Zanzare addio: arriva la macchina che ci salverà – foto e immagini

Nell’attesa che questa invenzione diventi una realtà alla portata di tutti, non ci resta che godere della stagione fredda, in cui le zanzare non ci sono!

Rita Paola Maietta
  • Giornalista Pubblicista dal 2010
  • Laurea Magistrale in Scienze della Comunicazione
  • Master in Comunicazione, specializzazione in Design, Arredamento, Lifestyle
Suggerisci una modifica