Trucchi per imparare il risparmio idrico

Rita Paola Maietta
  • Giornalista Pubblicista

La bolletta dell’acqua pesa e vorresti risparmiare? Di seguito ti spiegheremo che è facile imparare il risparmio idrico. E anche l’ambiente ti ringrazierà.

Trucchi per imparare il risparmio idrico 1

Il risparmio idrico è una questione che è diventata molto importante, soprattutto negli ultimi anni. Non soltanto economicamente parlando, ma anche perché l’acqua è un bene prezioso, da cui dipende la salute del nostro pianeta. Ecco perché nessuno può permettersi di sprecarla, non è un bene inesauribile. Se ognuno di noi fa la sua parte potremo lasciare un pianeta migliore ai nostri figli. Perché senza acqua non c’è vita.

In Italia siamo molto fortunati poiché è tra i primi paesi al mondo per disponibilità sul territorio di risorse idriche. L’acqua potabile è spesso garantita e di alta qualità. Cosa che non accade in molti altri paesi del mondo, dove l’impossibilità di accesso alle risorse idriche viene, spesso, pagata con la vita. Purtroppo, però, in Italia dobbiamo fare i conti anche con un altro triste primato: è uno dei paesi dove si consuma più acqua potabile a testa. A livello nazionale, sono circa 215 i litri erogati pro capite (secondo una stima Istat del 2021).

Hai mai pensato a quanta acqua si spreca lasciando aperto il rubinetto quando ci si lava i denti? Circa 20 litri ogni volta! Certo, non si può fare a meno di utilizzarla. Ci serve per cucinare, per l’igiene domestica e personale, per le nostre piante e animali. Come fare, allora, a risparmiare acqua durante la nostra vita quotidiana, all’interno delle nostre case?

Di seguito, ti indicheremo alcuni trucchi che potrai mettere in pratica sin da oggi. Si tratta di consigli che potrai inculcare anche ai piccoli di casa. Del resto, non servono drastici cambi nello stile di vita. Certamente, il tuo portafogli ringrazierà ma anche l’ambiente.

Trucchi per imparare il risparmio idrico 2

Risparmio idrico: installare il rompigetto

Trucchi per imparare il risparmio idrico 3

Il primo consiglio che ti suggeriamo è quello di dotare ogni rubinetto della tua casa di un rompigetto. Si tratta di riduttori di flusso che ti permetteranno di miscelare l’acqua e l’aria, permettendoti di risparmiare fino al 30% di acqua. Un getto arricchito di aria ti permetterà di risparmiare fino a 4000 litri di acqua ogni anno. Inoltre, eviterai fastidiose e problematiche perdite.

Risparmio idrico: controllare tubature e rubinetti

Trucchi per imparare il risparmio idrico 4

Sapevi che se un rubinetto gocciolante, che perde anche una sola goccia d’acqua ogni secondo, può arrivare a consumare in un anno 5000 litri di acqua potabile? Ecco perché il primo risparmio idrico dovrebbe venire dal controllo periodico di tubature e rubinetti, unitamente alle loro guarnizioni. Eviterai costosi sprechi.

Risparmio idrico: scegli gli elettrodomestici giusti

Trucchi per imparare il risparmio idrico 5

Anche lavatrice e lavastoviglie consumano ingenti quantità di acqua. Prima di acquistarne, verifica la classe energetica. Se quest’ultima appartiene alla A avrai maggior risparmio. Inoltre, ci sono dei trucchi per evitare di sprecare non solo corrente ma anche acqua. Fai partire la lavatrice (o la lavastoviglie) soltanto a pieno carico; se gli indumenti non sono troppo sporchi, scegli cicli veloci, con lavaggi a basse temperature.

Una buona idea, sarebbe anche quella di utilizzare detersivi naturali, come aceto e bicarbonato. Essendo meno schiumosi, vengono risciacquati via prima, con un conseguente risparmio di acqua.

Risparmio idrico: in bagno

Trucchi per imparare il risparmio idrico 6

Ormai lo sanno tutti ma ci teniamo a ripeterlo: fare una doccia veloce (ma pur sempre accurata) fa risparmiare moltissima acqua rispetto ad un bagno. Se proprio non puoi evitarlo, fallo, ma magari puoi scegliere una vasca più piccolina, che si riempirà più velocemente.

Un altro accorgimento importante sta nell’installare uno scarico differenziato per lo sciacquone. I due pulsanti, ti permetteranno di risparmiare fino a 16 mila litri di acqua ogni anno. Inoltre, anche la capienza della cassetta del Wc potresti sceglierla più scarsa, ad esempio da 6 o 12 litri.

Inoltre, non lo si ripete mai abbastanza: l’acqua quando ci laviamo i denti, insaponiamo il corpo, i capelli o le mani, dovrebbe essere chiusa.

Risparmio idrico: risparmiare l’acqua già usata

Trucchi per imparare il risparmio idrico 7

Un ulteriore risparmio d’acqua può essere messo in campo prendendo quella già utilizzata. Ad esempio, l’acqua che abbiamo usato per lavare ortaggi e frutta può essere usata per annaffiare le piante sul terrazzo o giardino. Per quanto riguarda l’acqua di cottura della pasta, potrai raccoglierla ed utilizzarla per sgrassare i piatti sporchi.

Hai mai pensato di raccogliere l’acqua piovana? Semplicemente posizionando una bacinella per raccoglierla, ti potrà servire per annaffiare le piante o, perché no, lavare l’auto o i pavimenti del terrazzo.

Per quanto riguarda, invece, l’acqua dei condizionatori e dei deumidificatori è un’acqua distillata che potrai utilizzare tranquillamente nel ferro da stiro o nella scopa a vapore. Insomma, basta un po’ di buon senso e di spirito d’iniziativa per rendere tangibile il risparmio d’acqua quotidiano.

Trucchi per imparare il risparmio idrico – foto e immagini

Ora che hai imparato alcuni trucchi per risparmiare acqua, non ti resta che metterli in pratica ed insegnarli ai tuoi figli e familiari. Siamo sicuri che anche un piccolo gesto, può fare la differenza.