Stucco veneziano: come fare la manutenzione

Per avere delle pareti dall’aspetto lussuoso come quello della pietra naturale, ma al tempo stesse lisce e riflettenti, una soluzione è quella di optare per lo stucco veneziano. Ecco come fare la manutenzione se vi trovate ad avere questa particolare finitura per le mura di casa! 

stucco-veneziano-come-fare-la-manutenzione-4

Lo stucco veneziano è una tecnica di finitura dei muri molto antica che però oggi riscuote molto successo. Per questo, non è così raro avere le pareti di casa realizzate in questo modo.

Le superfici risulteranno molto particolari, ma al tempo stesso saranno anche più delicate. Per questo è molto importante sapere come fare la manutenzione dello stucco veneziano affinché non si rovini e duri a lungo.

La prima cosa fondamentale da sapere è se lo stucco veneziano è stato trattato con cera o meno. Infatti, questo fa una grande differenza anche per quanto riguarda la sua manutenzione.


Leggi anche: Stucco veneziano per pareti eleganti e raffinate

stucco-veneziano-come-fare-la-manutenzione-19

Che cos’è lo stucco veneziano

Prima di parlare della manutenzione dello stucco veneziano è bene capire esattamente di cosa si tratta. Possiamo definirlo come una tecnica di finitura dei muri.

Tuttavia, è importante sottolineare che questo non deve essere considerato un metodo moderno in quanto in realtà è antico migliaia di anni.

Infatti, era nella repubblica veneziana che architetti e pittori lo applicavano sulle pareti ed anche sui soffitti di palazzi, ville e cattedrali per creare degli effetti particolari.

Le mura, infatti, a primo impatto ricordavano la pietra naturale, ma in realtà erano lisce e splendenti. In questo modo si riusciva a dare l’impressione che gli ambienti fossero lussuosi, ma non si spendeva così tanto e soprattutto i lavori erano molto più semplici.

Lo stucco veneziano è composto da una miscela di acqua, calce e polvere di marmo. Oggi però è anche molto frequente aggiungere coloranti per ottenere pareti di diverse sfumature.

stucco-veneziano-come-fare-la-manutenzione-2

Dove conviene applicare lo stucco veneziano

Lo stucco veneziano è molto versatile, quindi in teoria va bene in ogni stanza e con quasi tutti gli stili di arredamento. Inoltre, ha il vantaggio di essere traspirante, resistente alla muffa e all’umidità e per questo è consigliato in tutte quelle stanze particolarmente umide.

Tuttavia, si tratta anche di una superficie molto delicata. Proprio per questo, il primo segreto affinché duri molto è quello di non metterlo in quelle stanze in cui potrebbe macchiarsi più facilmente.


Potrebbe interessarti: Stucco veneziano: caratteristiche, usi e applicazioni

Stiamo parlando ad esempio di bagno e cucina. In quest’ultima in particolare è fortemente sconsigliato in quanto potrebbe facilmente sporcarsi di grasso mentre si prepara da mangiare. Poiché lo stucco veneziano è idrosolubile, questo sarebbe un residuo molto difficile da rimuovere.

Anche le macchie di fumo potrebbero danneggiarlo irreversibilmente, per questo, se siete fumatori, meglio evitarlo nelle zone in cui siete soliti accendere la vostra sigaretta più spesso.

stucco-veneziano-come-fare-la-manutenzione-5

Tipi di stucco veneziano

Per applicare lo stucco veneziano possono essere usate diverse tecniche. Quello che però a noi interessa veramente sapere per capire come fare una buona manutenzione è se è stata applicata anche la cera oppure no.


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

Infatti, questa lo rende impermeabile e di conseguenza è possibile lavarlo con acqua senza rovinarlo. Se lo stucco veneziano è stato trattato, è opportuno passare periodicamente uno strato di cera per proteggerlo e assicurarsi che continui ad essere idrorepellente.

stucco-veneziano-come-fare-la-manutenzione-6

Come fare la manutenzione dello stucco veneziano non trattato

Quando parliamo di stucco veneziano non trattato, ci riferiamo a quello privo dello strato di cera. La superficie quindi non sarà resistente all’acqua.

In questo caso, se ci sono macchie, l’unico modo per cercare di intervenire è quello di utilizzare dell’alcool. Questo va messo su un panno in pelle con il quale si cercherà poi di tamponare la zona sporca. Bisogna strofinare molto delicatamente per non rovinare lo stucco.

Se, invece, volete fare una pulizia ordinaria della parete, basterà semplicemente passarci un panno morbido per togliere la polvere e per lucidarlo. Questo può essere di lana o anche uno elettrostatico.

stucco-veneziano-come-fare-la-manutenzione-12

Come fare la manutenzione dello stucco veneziano trattato

Per quanto riguarda lo stucco veneziano trattato con cera, l’alcool è invece una sostanza da evitare. In caso di macchie, potete però sciogliere qualche goccia di detergente in un po’ di acqua calda e strofinare con una spugna non abrasiva.

Raccomandiamo di non usare prodotti aggressivi e di scegliere i detersivi dal PH neutro, ad esempio il sapone di Marsiglia è un’ottima alternativa.

Se le macchie sono particolarmente resistenti, in commercio oggi si trovano dei prodotti specifici per lo stucco veneziano che si nebulizzano sulla zona interessata. Questi sono studiati apposta per non rovinare la superficie, quindi sono un rimedio eccellente.

Infine, anche lo stucco veneziano trattato ha bisogno di una manutenzione costante. Spolverarlo periodicamente è importante, potete farlo tranquillamente con un panno morbido asciutto.

stucco-veneziano-come-fare-la-manutenzione-15

Come fare la manutenzione dello stucco veneziano: immagini e foto

Se volete vedere cos’è lo stucco veneziano e qual è il suo effetto sulle pareti, sfogliate pure le immagini della galleria qui di seguito. Troverete anche le foto di alcuni prodotti che potete usare per fare la manutenzione.

Federica De Blasio
  • Laurea magistrale in lingue e letterature moderne
  • Autore specializzato in Arredamento
Suggerisci una modifica