Miele: segreti e storia del nettare degli Dei


Il miele, alimento prezioso passato alla storia come il “nettare degli Dei” affonda le sue origini in un passato ormai millenario, onorando della sua presenza le pantagrueliche tavole nobiliari di popolazioni antiche come i Greci e i Romani. Liquido pregiato prodotto da api operose, la sua creazione è una delle meraviglie più affascinanti alle quali si può assistere in natura. Scopriamo insieme dov’è nato questo nettare ambrato e quali, invece, le sue molteplici proprietà benefiche.


Honey

Già gli antichi Romani onoravano la tavola con una bevanda a base di miele e acqua ed erano ricorrenti i luculliani banchetti che sancivano sodalizi militari o unioni matrimoniali dove questo liquido ne era il vero protagonista. Alimento base nella preparazione di dolci e delicate pietanze, la sua fermentazione dava origine ad una bevanda simile alla birra passata al storia come il più famoso idromele.

Miele


Leggi anche: Miele proprietà controindicazioni calorie


Il miele nell’antichità

Il miele è un alimento dalle spiccate proprietà organolettiche nonché dai mille benefici per la salute. Il suo uso è tra i più noti non solo in cucina ma anche in medicina, erboristeria e cosmesi naturale. Grazie al suo alto potere curativo è da millenni un indiscutibile concentrato di dolcezza e gusto che ha ricoperto impieghi di rilievo tra le popolazioni antiche; caricato di valori rituali e di una immensa cultura si è lasciato amare e conoscere quasi in tutte le aree del mondo.

Tracce dalla preistoria e lunghe ricerche archeologiche ci confermano che il miele è dagli albori sempre presente nell’alimentazione della specie umana. Un dipinto rupestre rinvenuto nei pressi di Valencia, in Spagna, testimonia la sua presenza anche in epoca tanto remota dove è possibile ammirare un uomo sospeso ad una liana, con una bisaccia in grembo e delle api che gli ronzano intorno, nel tentativo di raccogliere il prezioso liquido da alcuni favi incastonati in una impervia roccia.

miele

Il miele nella cultura dei greci

Un grato riconoscimento è da affidare agli antichi Greci che per primi gli attribuirono un epiteto tanto noto da ricordarlo ancora oggi allo stesso modo: lo consideravano, infatti, il “cibo degli dei” tanto che anche il filosofo Aristotele in uno dei suoi trattati lo decanta come una sostanza leggera ed eterea.

Il miele compare e riappare negli scritti dell’antica Grecia e ricopre ruoli di spicco passando dalla storia alla mitologia, famosi sono i racconti sulla vita di Zeus che riccamente si nutriva bevendo il latte della capra Amaltea e con il miele appena prodotto dalle figlie di Melisseo, Re di Creta. Questo nettare di gran pregio era consumato dalle divinità per mantenersi forti ed eterni e famosi sono i loro banchetti dove troneggiavano il miele e l’ambrosia.


Potrebbe interessarti: Antibiotico naturale fai da te

Miele

Il miele nell’Antico Egitto

Il miele non poteva mancare nella mitica terra dei Faraoni, dove il Nilo scorreva placido e forniva benessere e sostentamento per le popolazioni dell’antico Egitto. Più di 4000 anni fa gli egiziani già conoscevano l’arte dell’apicoltura che in maniera intensiva si sviluppava lungo il delta del fiume Nilo, dove le piante crescevano floride e sane e le arnie si colmavano di api laboriose per la produzione del miele.

Recenti scavi archeologici hanno testimoniato la presenza di questo nettare all’interno di anfore, coppe e vasi ritrovati nelle tombe faraoniche; era usanza, infatti, arredare la camera funeraria dei defunti con oggetti e suppellettili che dovevano accompagnare le anime nel viaggio verso l’aldilà. Si è scoperto, che in alcune anfore ancora chiuse ermeticamente, il miele all’interno custodito aveva preservato nei lunghi millenni trascorsi le sue virtù e le sue caratteristiche organolettiche.

Anche i dipinti murari all’interno della camera funeraria e molti geroglifici attestano che il miele veniva utilizzato spesso come alimento, sfruttandone a pieno le sue enormi proprietà curative per alleviare disturbi di varia natura e per la preparazione di oli e unguenti per guarire irritazioni, piaghe e ferite.

Miele,

La nascita dell’apicoltura

Colonie di api laboriose erano e sono tutt’oggi origine e nascita di questo alimento prelibato, la cui presenza si attesta in natura già 10 milioni di anni fa. Denominate già tra le civiltà antiche “api sociali” è dalla notte dei tempi che questi validi insetti sostengono l’ecosistema contribuendo ad un’elevata percentuale di cibo nel mondo nonostante l’inquinamento e l’efferato disboscamento.

L’apicoltura ricoprì un ruolo importante durante il Medioevo grazie all’imperatore Carlo Magno che nell’editto del 759 d.C. obbligò tutti coloro che fossero proprietari di un podere di disporre di api per la preparazione del miele e i suoi derivati. Com’è noto quest’attività di coltivazione e allevamento si diffuse notevolmente nei monasteri e nelle abbazie che perfezionarono sempre più le tecniche apistiche per la tutela di questi preziosi insetti e lo studio di nuovi e delicate preparazioni.

Miele

Il miele nel Rinascimento e fino ai giorni nostri

Se per i Romani era l’ideale per dolcificare ricche bevande importandolo dalle isole di Creta, Cipro e Malta è con Carlo Magno che questo prodotto conosce una larga diffusione anche in Europa e una vera e propria tutela di produzione e conservazione.

 Il grande trionfo del miele si raggiunge durante il Rinascimento quando iniziò ad essere fortemente consumato nei sontuosi banchetti delle grandi famiglie nobili; lo si vede abbinato a carni e cacciagione e per aromatizzare ricche zuppe e dissetanti bevande.

Dalla preistoria fino alla contemporaneità il miele è da ritenersi un valido sostituto dello zucchero, non solo per le sue innate doti dolcificanti ma come alimento dalle spiccate proprietà terapeutiche e benefiche per la nostra salute. La sua estrema versatilità in cucina lo ha consacrato come alimento sempre presente nelle nostre cucine, dai preziosi poteri curativi il miele rappresenta una valida fonte di energia per il corpo rinvigorendone la mente.

Api

Miele segreti e storia del nettare degli Dei: foto e immagini

Raffaella Gambardella
  • Scrittore e Blogger

Commenti: Vedi tutto

Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli aggiornamenti su speciali, guide e novità riguardo il mondo della casa e giardinaggio. Aggiornati dai nostri esperti di botanica e dell'arredo casa.