Kumquat: i tanti benefici del mandarino cinese

Il kumquat è un piccolo frutto di colore arancione, cresce su rami sottili ed è spesso utilizzato come elegante pianta ornamentale. Chiamato anche mandarino cinese o fortunella produce frutti arancioni di piccole dimensioni e, in base alla varietà, possono essere anche gialli o tendenti al verde. Il profumo ricorda molto quello degli agrumi e la sua buccia sottile e porosa racchiude una polpa succosa e aromatica, dal gusto tendenzialmente aspro e pungente.

Kumquat-benefici

Piccolo frutto che affonda le sue radici nelle lontane terre d’Asia, viene coltivato soprattutto nelle aree della Cina meridionale e in Indonesia. Prezioso scrigno di proprietà benefiche, il suo uso in Occidente si è diffuso soprattutto grazie alla sua forma particolare, una pianta dai rami sottili e spinosi molto bella a vedersi e perfetta per abbellire sia interni che esterni o da coltivare sul terrazzo di casa.

I frutti sono piccoli, dal sapore spiccatamente aspro ma molto decorativi, è frequente infatti vederli in abbinamento a fiori e altri frutti per abbellire tavoli oltre che il balcone di casa. Frutto molto aromatico nella sua buccia e nella polpa sono racchiusi preziosi oli essenziali, il più importante è il limonene che è quello che dona al kumquat il suo gusto unico e particolare.


Leggi anche: Frutti di mare: consigli e curiosità per scegliere i migliori

Kumquat-benefici

Kumquat: proprietà e benefici

Il kumquat possiede all’interno della sua polpa numerose proprietà benefiche per il corretto funzionamento del nostro organismo. Il suo sapore spiccatamente aspro lo rende poco gradevole al palato a molti, ma il suo sapore così particolare lo consacra come un frutto insolito e unico nel suo genere.

Dalle note proprietà antimicrobiche e antibatteriche, la sua assunzione, addentando il frutto o sotto forma di estratto ,esercita un forte potere antinfiammatorio oltre a possedere molte proprietà antitumorali. Contiene un alto livello di vitamina C e discrete quantità di acido folico. Fonte di ferro, manganese e calcio il kumquat, è un frutto che non si trova facilmente in commercio; è possibile trovarlo soprattutto nei mesi invernali che vanno da novembre a gennaio e le varietà si distinguono facilmente dalla forma del frutto.

La varietà denominata Narumi o meglio nota con il nome di Fortunella presenta frutti più tondeggianti, mentre la Nagami presenta frutti ovali ed è anche quella più diffusa in Italia. Composto in gran parte da acqua, ne contiene infatti circa l’80% oltre a disporre di buoni livelli di proteine, carboidrati e molte fibre.

L’apporto calorico è piuttosto basso, infatti 100 grammi di questi delicati frutti contengono appena 70kcal. Ottimo per l’apparato digerente viene considerato un lassativo naturale data la presenza di fibre utili a stimolare la motilità intestinale, l’alto contenuto di vitamina C lo rende utile in caso di influenza o raffreddamento e per prevenire malanni di stagione.


Potrebbe interessarti: Cena elegante di Capodanno: posate e bicchieri al posto giusto

Dalla spiccata azione antinfiammatoria, svolge anche un ruolo importante come antivirale a sostegno delle difese immunitarie oltre a prevenire l’invecchiamento cellulare, contrastando l’azione dei radicali liberi. Valido supporto per il corretto funzionamento dell’apparato cardiovascolare, i livelli di potassio in esso contenuti sono utili a stabilizzare la pressione sanguigna e regolare i livelli di colesterolo nel sangue.

Kumquat-benefici

Kumquat: come mangiarlo?

Il kumquat si può mangiare per intero consumando anche la buccia che essendo molto sottile si rivela facilmente masticabile. E’ proprio nella buccia che si concentrano la maggior parte degli oli essenziali, per il kumquat, come per altri frutti specialmente gli agrumi. Questo piccolo frutto, delicato e prezioso può essere utilizzato anche per preparare liquori o infusi, ma anche per preparare delle golose marmellate o dei sorbetti freschi e golosi per l’estate.


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

Senza dubbio soprattutto durante l’estate per combattere l’afa delle ore pomeridiane un buon sorbetto a base di kumquat mista ad agrumi, è certamente la soluzione ideale per un fine pasto fresco o una merenda dissetante e rigenerante.

Se al mattino siete abituati a consumare una buona spremuta di arancia per iniziare la giornata e amate i sapori importanti e pungenti, potete mixare la vostra spremuta tradizionale con il succo di questo piccolo frutto prezioso, per goderne a pieno di tutti i suoi benefici naturali. Tuttavia il suo uso non si limita soltanto alla preparazione di bevande o dessert, ma grazie alle sue note spiccatamente acidule è un buon abbinamento per ottimi secondi carne o pesce o per realizzare salse e vinagrette perfette per accompagnare verdure grigliate o fresche insalate estive.

Kumquat-benefici

Benefici del mandarino cinese Kumquat: foto e immagini

Raffaella Gambardella
  • Laureata in Lingue Straniere per la Comunicazione Internazionale
  • Docente di Lingua Spagnola
  • Autore specializzato in Ricette, Cucina, Fotografia
Suggerisci una modifica