I 10 errori da non fare quando pulisci i materassi


Come pulire i materassi e quali sono le migliori tecniche per la manutenzione? Ecco i 10 errori da non fare quando pulisci i materassi.

10 errori da non fare per la pulizia dei materassi


Non tutti sanno che i materassi hanno un ciclo di vita di circa 8-10 anni. Al termine di questo periodo andrebbero sostituiti, ma durante tutto l’arco di tempo del loro utilizzo quotidiano vanno puliti regolarmente.

Forse ora starete pensando “ma io non ho mai macchiato il materasso, perché dovrei lavarlo?”. La pulizia da effettuare non è rivolta solo a macchie varie o muffa, bensì principalmente agli acari della polvere e altri allergeni. Dormire ogni notte su un materasso sporco non solo pregiudica la qualità del sonno, ma a lungo andare può rivelarsi nocivo per la salute.

Ricordate che una corretta manutenzione deriva dalla scelta iniziale fatta in fase di acquisto: alcuni materassi sono più traspiranti di altri e per questo necessiteranno di maggiore attenzione.


Leggi anche: Migliore materasso 2020: materiali e funzioni

errori-non-fare-pulizia-materassi-3


Come pulire i materassi

Per eseguire una buona pulitura, la prima cosa da fare è spogliare il letto del tutto ovvero rimuovere coprimaterasso e qualsiasi altra protezione sia presente. Non dimenticate che anche queste ultime andranno lavate periodicamente. A questo punto, è buona norma far arieggiare per bene il materasso, esponendolo non solo all’aria aperta, ma anche alla luce solare diretta.

Una volta fatto ciò, se non ci sono macchie da rimuovere, puoi passare all’utilizzo di una normale aspirapolvere per rimuovere acari, polvere, eventuali residui di pelle morta e capelli. Qualora avessi più beccucci a disposizione, scegli il più sottile possibile e assicurati che sia deterso.

Se hai una scopa a vapore, tanto meglio. Non è necessario utilizzare prodotti chimici, perché i pulitori a vapore sfruttano la potenza dell’alta temperatura dell’acqua che ha un elevato potere igienizzante.

Questa procedura andrebbe effettuata almeno una volta a settimana.

errori-non-fare-pulizia-materassi-1

1o Errori da non fare

Vediamo ora nel dettaglio quali sono i dieci sbagli da non fare per evitare di ottenere l’effetto sbagliato o peggio danneggiare il materasso.

1. Consumare cibo e bevande a letto

Oltre a non essere corretto dal punto di vista alimentare perché non permette una regolare digestione, consumare cibi a letto riempirà il tuo giaciglio di briciole e schifezze. Chi credi che le consumerà il giorno dopo se non insetti o altri animali?

Ancora, le macchie di cibo non sono così semplici da rimuovere e potresti ritrovarti a convivere con antiestetici ricordini lasciati su tutta la biancheria da letto.

2. Lasciare che gli animali domestici salgano sul letto

Per gli amanti degli animali sarà senza dubbio piacevole coccolarsi con loro sul letto, ma sappiate che non c’è nulla di più sbagliato. Gli animali da compagnia perdono pelo, lasciano in giro residui dei loro pasti e di tutta la sporcizia che hanno sotto le zampe. Siete proprio sicuri di volerla ritrovare dove trascorrerete tutta la notte?

3. Tenere chiuse porte e finestre per diversi giorni di fila

Sappiamo che i più freddolosi applicheranno questa regola malvolentieri, ma tenete a mente che molti medici consigliano di aprire spesso porte e finestre per far cambiare l’aria, anche d’inverno.

Come abbiamo già detto, la prima regola per una corretta manutenzione del materasso è proprio quella di farlo areare. L’ideale sarebbe farlo tutti i giorni, in alternativa basterà lasciare il letto disfatto almeno un paio d’ore.

4. Coricarsi subito dopo aver applicato creme e prodotti sul corpo

Sembrerà strano, ma mettersi a letto subito dopo aver applicato creme o oli profumati espone il materasso ad un maggiore accumulo di cute morta. Infatti, subito dopo la detersione, la nostra epidermide tende a rilasciare molte più sostanze, dal sudore ai residui di pelle.

Ovviamente non si tratta di sostanze tossiche, ma a lungo andare potrebbero comunque rovinare il materasso o macchiarlo.

5. Spruzzare insetticidi e detergenti liquidi direttamente sul materasso

Se pensi che spruzzare insetticidi o detergenti direttamente sul materasso ti permetterà di risparmiare tempo, ti sbagli di grosso. Questi verranno subito assorbiti solo nel punto in cui li hai nebulizzati, nella maggior parte dei casi lasciando anche un alone.

Inoltre, sarà necessario assicurarsi che il materasso sia perfettamente asciutto prima di rifare il letto, perché un materasso bagnato tenderà a puzzare e a produrre muffe e macchie di umidità.

errori-non-fare-pulizia-materassi-5

6. Non asciugarlo bene dopo averlo trattato

E quindi veniamo alla regola n°6. Qualora il materasso si bagnasse, sarà fondamentale asciugarlo al meglio. Altrimenti, preparati a lottare contro funghi e cattivi odori.

7. Non ruotarlo

Per evitare che si consumi e che accumuli sporcizia solo da un lato, è consigliato ribaltare il materasso ogni trimestre (in modo da dormire sull’altro lato) e contemporaneamente ruotarlo di 180 gradi.

Attenzione: alcuni materassi hanno un lato invernale ed uno estivo. Il primo è imbottito e ha fibre calde come la lana vergine, il secondo fresche e più leggere come il cotone o il lino. In questo caso, non potrete capovolgere il materasso ogni tre mesi, bensì ogni sei.

8. Tenere il materasso troppo vicino a stufe o termosifoni

I materassi sono soggetti all’accumulo non solo dell’umidità, ma anche del calore. Ecco perché è meglio tenerli lontani dalle fonti di calore come termosifoni o stufe.

Inoltre, dormire troppo vicini ad una fonte di calore è sconsigliato perché secca le mucose corporee.

9. Sottovalutare la pulizia di rete e doghe

Ogni parte del letto va adeguatamente trattata e pulita. Quando vi occupate del materasso, non tralasciate quello che c’è sotto ovvero la rete oppure le doghe in legno. Anche queste andranno opportunamente lavate.

Non dimenticare di controllarne anche lo stato: una sopraggiunta flessione sbagliata comprometterà il tuo corretto riposo.

10. Profumarlo con deodoranti spray per tessuti

Per quest’ultima regola valgono gli stessi principi della n°5: i profumatori spray utilizzati direttamente sulla superficie del materasso lo lasceranno umido e macchiato.

Se non vuoi rinunciare al buon odore, c’è un metodo naturale che fa al caso tuo. Mescola insieme bicarbonato e qualche goccia di olio essenziale. Cospargi il materasso con il composto ottenuto poi lascialo agire per circa 15 minuti. Successivamente, passa l’aspirapolvere per eliminare i residui e annusa l’effetto ottenuto.

I 10 errori da non fare quando pulisci i materassi

I 10 errori da non fare quando pulisci i materassi: galleria delle immagini

Come manutenere i materassi, cosa non fare per danneggiarli. Sfoglia questa gallery fotografica riassuntiva.

Maria Chiara Barsanti

Commenti: Vedi tutto