Cosa non lasciare mai in cantina: 5 consigli essenziali

Che cosa non lasciare mai in cantina? Quali materiali non vanno conservati e quali no, come fare per sfruttare l’ambiente in maniera corretta, 5 consigli essenziali per una cantina perfettamente funzionale.

cantina-cose-da-non-lasciare

La cantina è un ambiente della casa essenziale, un accessorio fondamentale e funzionale dell’appartamento, perché consente di far posto a tutto ciò che non trova spazio in casa o che non ha un utilizzo quotidiano o che, ancora, per ragioni tecniche, ad esempio per la temperatura come accade per il vino, può essere riposto altrove.

Organizzare al meglio la cantina, però, è fondamentale per evitare il rischio di vederla trasformarsi in un caotico ammasso di cose che poi sarà difficilissimo ritrovare. Insomma, la cantina non è soltanto un posto dove mettere via le cose che non ci servono nell’immediato, è soprattutto un modo per razionalizzare e rendere ancora più semplice e ordinata la disposizione degli oggetti che possediamo.

L’obiettivo è semplificarsi la vita, non complicarsela. Tenendo ben a mente questo principio, la prima cosa a cui dovrai badare è che in cantina, sia che si trovi all’interno della struttura del tuo appartamento, sia che si trovi staccata, magari nel seminterrato di un condominio o di una casa unifamiliare, non puoi riporre tutto ma proprio tutto.

Ci sono materiali che potrebbero rovinarsi, oggetti che è meglio conservare altrove, insomma è bene che tu sappia subito cosa non lasciare mai in cantina.

Ecco perché abbiamo preparato per te 5 consigli essenziali per non commettere errori e avere una cantina ordinata e super funzionale.

errori-non-fare-pareti-cantina-15

1. Preferisci scaffali in acciaio

Il primo consiglio che vogliamo darti riguarda la struttura stessa della tua cantina, cioè la scaffalatura. Spesso è un elemento di cui non si tiene abbastanza conto, ma una buona scaffalatura è davvero essenziale per conservare al meglio i tuoi oggetti.

Gli scaffali in legno sono ottimi e resistenti, ma tendono a risentire dell’umidità e la manutenzione dev’essere più accurata e sistematica. Significherebbe dover svuotare periodicamente la cantina per prendersi cura degli scaffali ed è un’operazione davvero complessa e lunga.

Per quanto riguarda gli scaffali in plastica, molto gettonati per le cantine, il pericolo è che s’imbarchino rapidamente sotto il peso degli scatoloni, il che ti costringerebbe a cambiare scaffalatura molto spesso. L’acciaio pur avendo un costo maggiore è una soluzione a lungo termine, più sicura e più duratura.

abbellire-cucina-ikea-meno-€50-scaffaleomar-1

2. Non conservare libri o fumetti in cantina

Materiali come carta o cartoncino possono andare incontro a gravi danni per colpa dell’umidità. Si sa, infatti, che una cantina è di solito un ambiente molto umido, anche perché più spesso utilizzata per conservare il vino, che necessita di temperature più basse, o cibi in scatola che accusano gli sbalzi termici.

Libri e fumetti, però, andrebbero sempre riposti in luoghi asciutti, dove non possono essere attaccati dalla muffa, per esempio o da piccoli insetti della carta. Se proprio non hai come fare, però, e hai bisogno di riporre in cantina i libri che non entrano più in casa, allora assicurati di avvolgerli in del pluriball prima di inscatolarli, in modo da proteggerli dall’umidità e da eventuali urti o attacchi di piccoli insetti.

cantina-cosa-non-lasciare

Potrebbe interessarti Animali che vanno in letargo

3. Non lasciare mai in cantina gli abiti

Per lo stesso motivo per cui è preferibile non lasciare in cantina, causa umidità, i libri, è bene non riporre i tuoi abiti preferiti, esponendoli al pericolo della muffa. Se proprio non sai come fare e lo spazio è poco, avvolgi gli abiti in sacchetti di plastica, magari trasparenti così potrai individuarli subito, non conservarli mai in scatoloni di cartone.

Cosa non lasciare mai in cantina: 5 consigli essenziali

4. Utilizza scatole in plastica non in cartone

Come detto prima, la plastica è preferibile al cartone perché non soggetta a essere attaccata dall’umidità, inoltre gli scatoloni di cartone presentano sempre delle piccole intercapedini attraverso cui potrebbero entrare agenti esterni o insetti. Le scatole in plastica sono ermetiche e, inoltre, in commercio ve ne sono di trasparenti, che quindi consentono di individuarne immediatamente il contenuto.

boaxel-2-sikea

5. Cose da non lasciare mai in cantina se c’è del vino

Ultimo consiglio, valido per gli appassionati di vino. Se la tua cantina è principalmente deputata alla conservazione delle tue preziose bottiglie di vino, allora sappi che ci sono delle cose che proprio non dovrai lasciarvi mai. Prima di tutto, devi sapere che il vino va conservato con le bottiglie distese, non in verticale, in questo modo sarà più semplice evitarne l’ossidazione. Detto questo, il vino assorbe gli odori, quindi è bene tenerlo lontano da vernici, pittura e altri materiali tossici che potrebbero rovinarlo. Il vino va tenuto a distanza anche da alcuni cibi, soprattutto se riposti liberamente in delle cassette di legno. I cibi da evitare sono formaggi, aglio, cipolla, tutti quelli che hanno un odore intenso e penetrante e che possono rovinare il vino.

cantina-cosa-non-lasciare

Cosa non lasciare mai in cantina: immagini e foto

La cantina è uno spazio comodissimo per riporre soprattutto vini ma in realtà qualunque cosa di cui non abbiamo immediato bisogno o che necessita di essere conservata in un posto buio e a una temperatura inferiore. Ecco la nostra gallery per fissare bene in mente cosa non conservare mai in cantina.