Come scegliere la biancheria da letto


Materiali, misure e colori di tendenza: ecco tutto quello che c’è da sapere prima di scegliere la biancheria da letto.

come scegliere la biancheria da letto


La biancheria da letto è l’insieme dei tessuti che rivestono il materasso e i cuscini. Solitamente, un corredo standard è composto da:

  • Coprimaterasso: è il primo strato, da esso deriva la giusta temperatura di tutto il letto e la corretta manutenzione del materasso stesso in quanto lo protegge da acari e polveri;
  • Lenzuolo con angoli (sotto) e lenzuolo senza angoli (sopra): immancabili, solo l’elemento principale;
  • Coperte ovvero copripiumino, piumino, trapunta, trapuntino, copriletto: variano a seconda della stagione e servono prima di tutto a mantenere pulito l’ambiente sottostante;
  • Cuscini e federe: dalla scelta dei primi (in lattice, di piume, ortopedici, …) deriva la forma delle seconde.


Leggi anche: Materiale per patchwork

L’elenco descritto fa riferimento alla biancheria in uso in Italia: nell’Europa del nord, ad esempio, utilizzano solo il lenzuolo di sotto e poi direttamente il sacco copripiumione.


Materiali

Nella biancheria da letto sempre più i tessuti scelti costituiscono un vero e proprio elemento d’arredo che conferisce personalità alla camera: ecco perché è fondamentale che ne rispettino lo stile dell’arredo.

Dal punto di vista pratico però, i materiali scelti possono fare la differenza in termini di benessere e salute per le persone che li useranno. Durante la notte o comunque in generale quando siamo sotto le lenzuola, il nostro corpo è a lungo a contatto con questi tessuti quindi è bene sceglierli con criterio. Per vestire al meglio il letto è necessario rispecchiare le abitudini di chi vive quotidianamente la camera.

biancheria-letto6

Il cotone è il tessuto più utilizzato, per le sue origini naturali e la sua lavorazione classica. Ha la caratteristica di essere leggero e morbido, traspirante ma caldo. Le lenzuola di cotone sono adatte a qualsiasi tipo di stagione, per chi ha la pelle sensibile e per chi soffre di allergie, maggiormente agli acari della polvere.

In più, si tratta di un materiale economico, ma di qualità se puro al 100%. Ecco perché è quello che resiste meglio di tutti alla prova del passare del tempo.

Di grande utilità, sono le moderne lenzuola di cotone NO STIRO: si tratta di un particolare cotone tinto in filo lavabile in lavatrice, dall’effetto leggermente stropicciato. Le lenzuola si lavano e non si stirano, il sogno di tutte le donne!

Se vi piace un’effetto più contemporaneo, le lenzuola di lino sono quello che fa per voi. Sono antistatiche e hanno un’ottima conducibilità termica che le rende adatte sia d’estate che d’inverno. Attenzione però, questo tessuto si sgualcisce con più facilità rispetto a tutti gli altri.

biancheria-letto4

Le lenzuola di raso sono la scelta di chi ama lo stile e l’eleganza anche a letto. Il loro effetto liscio e lucido conferisce un aspetto raffinato a tutto l’ambiente circostante. Esistono sia lenzuola in raso di seta che in raso di cotone.

Infine, le lenzuola di flanella sono le preferite dei freddolosi e, più in generale, di tutti coloro che d’inverno non vedono l’ora di ritirarsi al calduccio. Parliamo comunque di un materiale molto leggero e morbido, che conferisce un aspetto retrò a tutta la camera da letto.

Qualsiasi sia il materiale scelto, gli esperti consigliano di lavare le lenzuola in lavatrice a massimo 40°C, non usare candeggina e stirare a massimo 150°C.

Diversi letti, diverse misure

Prima ancora di decidere qual è il nostro materiale preferito, per acquistare la giusta biancheria da letto dobbiamo conoscere le misure corrette del materasso. Letti matrimoniali, alla francese e a una piazza e mezza differiscono magari per pochi centimetri di larghezza, ma questa differenza si riflette sulle lenzuola.

biancheria-letto3

In alcuni casi, può essere comodo conoscere anche la lunghezza del letto stesso. Quella standard va dai 190 ai 200 cm. Se invece abbiamo un letto su misura, è consigliabile procedere anche con il confezionamento della biancheria su misura.

Consigli d’acquisto sui colori

Passiamo ora alla parte “creativa” ovvero la scelta dei colori. In commercio ormai si trovano lenzuola di ogni colore e sfumatura, anche a tema (esempio: le lenzuola natalizie), così come copripiumini e federe.

Tra i colori più amati, troviamo in pole position il blu: rilassante, elegante e sempre di tendenza, con tutte le sue sfumature. Secondo alcuni, avrebbe anche un effetto rilassante per gli occhi e la mente.

biancheria-letto8

Il classico dell’eleganza senza tempo resta sempre il bianco: le lenzuola bianche trasmettono una sensazione di freschezza e pulizia come nessun altro colore.

A seconda dell’arredamento della stanza, possiamo scegliere tonalità pastello (per uno stile romantico, magari shabby chic o provenzale) oppure fantasie più particolari, con grafismi e colori forti (per un arredamento moderno).

Possiamo valutare se sceglierle a tinta unita oppure colorate: c’è davvero l’imbarazzo della scelta.

biancheria-letto2

Trapunte e copripiumini esistono anche in versione stampata: molte sono le fantasie divertenti e sgargianti, adatte anche nelle camere dei più piccoli.  la regola è puntare su tinte sgargianti, allegre, per regalarsi un sorriso al mattino appena svegli. Se l’obiettivo invece è raggiungere il massimo dell’eleganza, opta per tinte unite soft o strong, abbinate agli arredi o nettamente in contrasto per dare carattere al letto.

Come scegliere la biancheria da letto: gallery fotografica

Tante idee colorate e non in questa gallery fotografica sulla biancheria da letto:

Maria Chiara Barsanti

Commenti: Vedi tutto