Come proteggere il piano di lavoro in legno della cucina

Come proteggere il top in legno della cucina: tanti consigli e accorgimenti da tenere presenti per la manutenzione del piano di lavoro in legno, dall’uso dell’olio protettivo ai suggerimenti su come pulirlo.

come-proteggere-piano-lavoro-legno-cucina-1

Nonostante sia molto delicato, il piano di lavoro in legno della cucina rappresenta una scelta sempre più frequente. Il motivo è presto detto: il top della cucina in legno è estremamente versatile. Si addice, infatti, a mille rivisitazioni e si adatta alla perfezione a diversi stili di arredamento, da quello classico a quello moderno.

Sono tanti i dubbi che, però, riguardano la sua manutenzione e, soprattutto, come proteggerlo da schizzi di acqua e cibo. Fortunatamente, è possibile correre ai ripari e preservare a lungo nel tempo e al meglio il piano in legno.

Tenendo presenti alcuni accorgimenti, adoperando prodotti specifici – dall’olio protettivo ai detergenti giusti – riuscirete a valorizzare giorno dopo giorno la bellezza del piano di lavoro in legno e a custodirla, tenendolo alla larga da danni indesiderati. Scopriamo insieme tutto quello che c’è da sapere in merito.


Leggi anche: Arredare con piante: foto, idee e consigli

come-proteggere-piano-lavoro-legno-cucina-2

Piano di lavoro in legno della cucina: l’olio protettivo per renderlo più resistente

Quando non viene trattato in alcun modo, il piano in legno della cucina risulta estremamente delicato, sensibile a tutti gli agenti esterni. Per ovviare a questo problema, vi consigliamo di utilizzare un olio protettivo, a partire dal momento dell’installazione del vostro top.

L’olio protettivo rende il piano in legno più resistente, sia all’umidità che agli urti. L’ideale è passarlo più volte, come a voler realizzare degli strati sottili di olio, seguendo sempre le venature del legno. Attenzione: tra una passata e l’altra, il piano deve risultare perfettamente asciutto.

Questa operazione va ripetuta con frequenza settimanale, almeno per le prime 5-6 settimane.

come-proteggere-piano-lavoro-legno-cucina-9

Impermeabilizzare il legno del piano di lavoro della cucina con la resina

L’olio protettivo rende il top cucina in legno più resistente all’umidità e ce ne sono alcuni tipi che consentono di impermeabilizzarlo. Un altro metodo per impermeabilizzare il legno del piano di lavoro è adoperare delle particolari vernici a basso contenuto di resina – quinti totalmente sicure – che si acquistano nei negozi specializzati.

come-proteggere-piano-lavoro-legno-cucina-6


Potrebbe interessarti: Manutenzione porta basculante del garage: ecco come bisogna fare

Proteggere il piano di lavoro in legno della cucina: altri consigli e accorgimenti

L’utilizzo di oli e prodotti specifici per l’impermeabilizzazione del top in legno e per aumentarne la resistenza è sempre una buona idea, ma è opportuno anche prendere alcune precauzioni per evitare che riporti danni.

Attenzione all’acqua

Il piano di lavoro in legno è soggetto a rovinarsi con facilità quando esposto all’acqua. Se il piano si bagna è doveroso asciugare subito, in modo da arginare i danni. Utilizzare con costanza un olio protettivo o prodotti impermeabilizzanti specifici vi solleverà da questo incarico, ma in linea di massima è preferibile prestare sempre attenzione all’umidità quando si ha un top in legno.


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

come-proteggere-piano-lavoro-legno-cucina-acqua

Mai appoggiare oggetti caldi

Se la cucina ha un piano di lavoro in legno, bisogna evitare assolutamente di appoggiare pentole o altri oggetti caldi, che finirebbero per danneggiarlo in modo irrimediabile. Vi consigliamo di acquistare dei sottopentola e di usarli sempre: decoreranno l’ambiente cucina, con i loro colori e le loro forme ormai sempre più originali, e vi terranno alla larga da spiacevoli inconvenienti.

In alternativa, provate a rivestire il piano di lavoro con delle tovagliette plastificate. Riuscirete, così facendo, a mettere il piano di lavoro al riparo anche da schizzi di cibo o di acqua.

come-proteggere-piano-lavoro-legno-cucina-bruciato

Lavarlo solo con prodotti specifici (o naturali)

Il piano di lavoro in legno della cucina non va mai lavato con prodotti aggressivi, ma esclusivamente con detergenti specifici. Solitamente si tratta di formulazioni molto delicate, detergenti neutri da poter usare anche tutti i giorni.

Bisogna anche assicurarsi di lavare il piano con acqua tiepida, mai bollente, e di strizzare sempre molto bene la spugna, per non bagnarlo più del dovuto. A proposito della spugna o del panno adoperato, non deve avere una superficie abrasiva.

come-proteggere-piano-lavoro-legno-cucina-pulizia

Come pulire il piano di lavoro in legno della cucina

Approfondiamo, a questo punto, il tema della pulizia del piano di lavoro in legno della cucina. Per pulire il top in legno bisogna avvalersi, come anticipato, dell’utilizzo di detergenti specifici per il legno o comunque di prodotti non troppo aggressivi (come quelli che contengono, per esempio, ammoniaca o bicarbonato), che finirebbero per danneggiare il piano. In alternativa, vi consigliamo alcuni rimedi naturali.

Aceto di mele e acqua per la pulizia quotidiana

Un ottimo rimedio naturale e fai da te per la pulizia del piano di lavoro in legno della cucina è usare aceto di mele e acqua tiepida. Immergete in questa soluzione casalinga e facilissima da ottenere un panno delicato, da usare ben strizzato e umido (non bagnato). Procedete nel senso delle venature, per eliminare anche i residui di sporco annidati nei pori dei legno.

Potete anche passare la buccia di un limone sul top in legno per restituirgli brillantezza e luminosità.

come-proteggere-piano-lavoro-legno-cucina-aceto-mele

Cera naturale d’api per mantenerlo lucente

A proposito di lucentezza, vi suggeriamo di passare sul top in legno della vostra cucina della cera naturale d’api. La cadenza ideale è ogni 15/20 giorni. Così facendo riuscirete a preservare la naturale bellezza del legno, evitando che si opacizzi per l’usura.

come-proteggere-piano-lavoro-legno-cucina-5

Come riparare il piano di lavoro in legno della cucina se è rovinato

Prendendo alcuni accorgimenti – come, per esempio, non tagliare mai nulla direttamente sul piano ma utilizzare sempre un tagliere – è possibile prevenire eventuali danni e scheggiature del top in legno della cucina.

Qualora, malauguratamente, dovesse riportare delle imperfezioni, è comunque possibile intervenire. Potete provare, per esempio, a levigare la superficie del piano con della carta vetrata. Inumidite un po’ il legno per rendere l’operazione più agevole e ottenere un risultato migliore. Fatto questo, passate uno strato di olio protettivo sull’intero piano.

Anche la cera può aiutare, ma solo se si tratta di leggerissime scheggiature.

come-proteggere-piano-lavoro-legno-cucina-11

Come proteggere il piano di lavoro in legno della cucina: immagini e foto

I nostri consigli su come proteggere e pulire il piano di lavoro in legno della cucina vi sono tornati utili? Date un’occhiata alle immagini della galleria di seguito per trovare tanti altri spunti e ripercorrere i principali step.

Maria Teresa Moschillo
  • Laurea in Editoria, informazione e sistemi documentari
  • Autore specializzato in Design, Lifestyle, Tendenze
Suggerisci una modifica