Come fare un giardino zen: 3 elementi indispensabili

Progetta uno spazio verde che sia unico, rilassante e confortevole seguendo lo stile di vita giapponese. Su come fare un giardino zen ti guidiamo noi: caratteristiche e consigli utili. Scopri di più. 

come-fare-giardino-zen

Con la pandemia la nostra quotidianità si è radicalmente trasformata e con essa sono sorti ritmi ed esigenze tutte nuove. In primis quella di trovare tutta la calma di cui hai bisogno tra le mura domestiche o in giardino. Stando ad alcune ricerche, infatti, le persone sono sempre più a caccia di luoghi ed aree verdi in cui trascorrere il proprio tempo e ritrovare così il proprio equilibrio fisico e mentale. E se provassimo a ritagliarci quest’angolo in giardino?

Se quel che cerchi è un po’ di pace e di serenità il giardino giapponese potrebbe essere la risposta giusta alle tue esigenze. Il segreto è tutto nella progettazione. Non basta una lanterna per dare un tocco zen ma molto di più.


Leggi anche: Casa vacanze al mare: cosa non dimenticare

Il tuo giardino è un modo per connettersi con la natura, uno stile di vita, una forma d’arte e di cultura orientale. Se vuoi immergerti i questo modo scopri con noi di Casa e giardino come realizzarne uno e creare la tua oasi di pace in poche mosse. Iniziamo.

come-fare-giardino-zen-3

Tre elementi che non possono mancare

Il giardino zen è stato progettato dai monaci buddisti diversi secoli fa per avere un luogo in cui ritrovare pace e tranquillità e meditare rilassando così corpo e mente. Design bello ed elegante, fa della semplicità il suo punto di forza per questo davvero facile da realizzare. Una volta selezionata l’area d’interesse e delimitata con legno o rocce, vediamo come procedere.

1. Piante

Le 10 piante giapponesi più belle 4

Dici giardino e per prima cosa pensi alle piante ivi presenti. Che caratteristiche devono avere quelle di un giardino zen?

Fogliame piccolo e colori delicati creeranno le giuste sfumature di colore. Solitamente si preferiscono degli arbusti sempreverdi e tra le piante più utilizzate troviamo l’acero giapponese, il pino, il bambù, il ginepro e la camelia.

Il verde è fondamentale nel dare vita al tuo giardino così come è fondamentale trovare la collocazione ideale alle tue piante perché crescano rigogliose e perché cromaticamente si armonizzino al contesto. Veniamo al secondo elemento simbolo di vita: l’acqua.


Potrebbe interessarti: Salotti moderni IKEA: idee, foto e consigli d’arredo

2. Acqua

come-fare-giardino-zen-5

L’acqua, in un giardino zen, la ritroviamo sotto forma di un piccolo laghetto o una fontana proprio al centro di esso. Sotto un albero o proprio lì accanto, catalizzerà la nostra attenzione e diverrà quasi ipnotica divenendo sottofondo ideale per il tuo relax.

Divertiti a impreziosirla con pochi altri elementi tutti legati alla natura: alcune pietre per definirne i contorni e disegnarne lo stile, delle piante acquatiche e, perché no, alcuni pesciolini. La natura farà il resto. Passiamo all’ultimo elemento.

3. Sassi e rocce

sassi-decorativi


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

Sassi e rocce li ritroviamo qua e là in giro per il giardino non solo per creare le bordure ideali alle tue aiuole e prenderti cura al meglio delle tue piante ma anche, come abbiamo appena visto, accanto alla fontana o laghetto, piccolo o grande che sia.

Infine, con alcuni di alcuni di essi, puoi disegnare dei sentieri nel tuo giardino zen e indicare il giusto cammino da seguire, nel rispetto della natura, da casa verso la tua oasi di pace.

Riempilo con della ghiaia o un po’ di sabbia e con un rastrello disegna delle linee al suo interno, per un tocco di stile in più.

Guardino zen da interni: idea originale

come-fare-giardino-zen-6

Il giardino zen – se non disponi di spazio all’esterno – può essere essere un’ottima idea da replicare anche all’interno di casa tua, in scala ridotta s’intende, ma sempre con gli stessi elementi a fare da protagonisti. Basta avere un piccolo angolo a disposizione e trasformarlo con il giusto tocco zen. Vediamo insieme come procedere e te ne innamorerai.

Partiamo dal dove è più giusto realizzarne uno: all’ingresso per respirare subito la giusta atmosfera di relax o accanto alle scale ma anche in un angolo in soggiorno. Una buona progettazione diviene indispensabile per questo procurati una buona base su cui sviluppare la tua idea: lo spazio a disposizione ti guideranno nella scelta.

Noi ti suggeriamo un’idea da spendere dove vuoi: un vassoio dalla forma classica o inusuale sarà perfetto per realizzarla. Su di esso disponi della ghiaia e alcune pietre poi adagia le piante scelte o un piccolo bonsai e il gioco è fatto!

Attenzione all’aggiunta di alcuni piccoli dettagli e i tuoi interni cambieranno volto: lanterne per illuminare, statuine ispirate al mondo giapponese e alla sua cultura come il Buddha o una pagoda e nulla più. Veniamo alla cura.

Come prendersi cura di un giardino zen

come-fare-giardino-zen-7

Ora che hai in mano tutti gli elementi per realizzare il tuo giardino zen non ti resta che prendere qualche appunto per prendertene cura adeguatamente. In realtà non si tratta di nulla di molto impegnativo e anzi il prendertene cura ti rilasserà. Mantieni pulito il tuo giardino con la potatura (una o due volte l’anno) ed un’adeguata innaffiatura soprattutto in estate.

Come fare un giardino zen: foto e immagini

Se vuoi realizzare anche tu un giardino zen per ritagliarti un angolo di tranquillità e relax tutto l’anno, mettiti all’opera lasciandoti guidare dai suggerimenti che ti abbiamo presentato nel corso dell’articolo. Se cerchi qualche spunto in più lasciati ispirare da altre immagini che abbiamo selezionato e inserito per te nella galleria di immagini che segue. Sfogliamola insieme.

Paola Palmieri
  • Laurea in Scienze della Comunicazione
  • Master in Editoria e Comunicazione
  • Autore specializzato in Fai da te, Design, Arredamento
Suggerisci una modifica