Barbecue in pietra: consigli per gli acquisti

Maria Chiara Barsanti
  • Dott. in Relazioni Internazionali

Quali sono le tipologie di barbecue esistenti? Quanto costano? Se il tuo sogno è averne uno in pietra, continua a leggere. Tutto quello che c’è da sapere, compresi consigli per gli acquisti.

Barbecue in pietra: consigli per gli acquisti

Si sa, le grigliate all’aria aperta sono un ottimo modo per trascorrere del tempo piacevole in compagnia della famiglia e degli amici. Quest’anno, non farti cogliere impreparato dall’arrivo delle belle giornate ed inizia subito a scegliere il barbecue più adatto alle tue esigenze.

A tal proposito, come sceglierne un0? Solitamente si associa questa decisione al tipo di pietanze che verranno preparate maggiormente e al modo in cui le si vuole cuocere. Inoltre, bisogna tenere conto anche della frequenza di utilizzo e del numero di invitati ai tuoi pranzi.

Ebbene sì, se hai intenzione di usarlo solo d’estate, magari in occasioni speciali e per un gruppo limitato di persone, andrà benissimo un piccolo barbecue compatto, elettrico oppure a gas, perfino uno portatile facile da trasportare.

Al contrario, se lo utilizzerai  di frequente e magari per più di 8 persone (quindi la carne e le verdure da arrostire non saranno poche), l’investimento migliore che tu possa fare è un barbecue in pietra.

Entriamo ora nei dettagli e vediamo insieme numerosi consigli per gli acquisti.

barbecue-a-gas-consigli-per-gli-acquisti-13

Caratteristiche di un barbecue in pietra

Una volta identificato il barbecue in pietra come quello più adatto a te, dovrai districarti tra i molteplici esemplari esistenti.

Oltre all’estetica e alle dimensioni, ciò che li differenzia è la tipologia di combustibile usato. Infatti, i barbecue in pietra esistono a carbone o a legna, a gas, elettrici e ad infrarossi.

I primi hanno di solito dimensioni ridotte e sono indicati per cotture o grigliate occasionali; agli antipodi troviamo quelli a gas, di grandi dimensioni quindi validi per la cottura contemporanea di molti alimenti.

I barbecue in pietra elettrici e quelli ad infrarossi sono molto simili, li accomunano i tempi di cottura ridotti e l’assenza quasi totale di fumo prodotto.

Un altro fattore da tenere in considerazione è senza dubbio anche il budget a disposizione. Il prezzo di un barbecue in pietra varia dai € 100,00 ai € 1.500,00. Questi prezzi sono frutto di una media generale e cambiano molto anche in virtù degli accessori scelti. Alcuni modelli possono arrivare a costare anche € 5.000,00 (è il caso di quelli realizzati su misura in muratura), ma in linea di massima non è necessario avere un budget molto elevato per appagare il proprio sogno di diventare il Re della Griglia.

Infine, prima di acquistare il tuo barbecue dovrai verificare la legislazione antincendio della città in cui risiedi. Se abiti in un condominio sarà necessario prima di tutto consultare il regolamento interno, ove presente. Una norma generale prevede che l’utilizzo del barbecue è lecito laddove i fumi emanati non disturbino gli altri condomini. Trattandosi però di un concetto non quantificabile (il livello di tolleranza di ognuno è diverso), è buon costume utilizzare un barbecue solo in spazi molto aperti, come ad esempio un terrazzo.

Qualunque sia il modello che sceglierai, per garantire una lunga durata del tuo barbecue assicurati di non tralasciarne mai la manutenzione e la pulizia. Dopo ogni utilizzo sarà importante rimuovere tutti i residui di grasso e cibo. Troverai efficace in tal senso l’utilizzo di spazzole metalliche e spatole taglienti. Attenzione però a non rovinare le superfici in pietra.

Successivamente, sarà opportuno procedere con una normale pulizia effettuata attraverso acqua e detersivo.

barbecue-pietra-1

Quale combustibile scegliere

Come abbiamo detto, la principale differenza tra i diversi tipi di barbecue descritti risiede nel combustibile usato. Questo influirà sia sul metodo che sulla rapidità di cottura dei cibi.

I diversi carburanti tra cui scegliere sono:

  • carbonella (attenzione a scegliere quella specifica per barbecue e non per stufe e camini), ricordati che in questo caso la carne andrà cotta su una griglia a 10 cm dalle braci;
  • legna, particolarmente indicata per esaltare e mantenere intatti i sapori e la consistenza dei cibi, va scelta proprio in base alle pietanze; maggiormente consigliati sono il legno di faggio, di quercia, di betulla o di ulivo.
  • pellet, questo combustibile moderno offre un’ottima qualità di cottura, ma anche praticità e sicurezza e praticità; infatti, si tratta di un materiale molto leggero, in vendita già confezionato in comodi sacchi che occupano meno della metà dello spazio della legna; ancora, produce pochissimi residui di cenere agevolando così le operazioni di pulizia;
  • gas (propano, butano o metano), fa al caso di chi cerca un’accensione rapida, calore immediato e la possibilità di moderare la temperatura dei fuochi.

barbecue-in-muratura-consigli 10

Barbecue in pietra: immagini e foto

Sfoglia le immagini e scegli il barbecue che fa per te, tenendo conto degli spazi a tua disposizione, ma anche della frequenza di utilizzo e del numero di persone che hai intenzione di invitare alle tue grigliate.