5 cose da fare per la manutenzione dei rubinetti

La pulizia e la manutenzione dei rubinetti di casa è di fondamentale importanza, affinché non si corra il rischio di vedere una formazione importante di calcare e il conseguente danneggiamento della rubinetteria. Ecco 5 cose da fare per una corretta manutenzione dei tuoi rubinetti. 

manutenzione-rubinetto4

La manutenzione relativa ai rubinetti di casa rientra tra le routine che vanno seguite con regolarità, poiché il calcare e i sali minerali presenti nell’acqua possono creare problemi al flusso della rubinetteria, intasare e velocizzare il processo di usura degli elementi. Abbiamo pensato di suggerirti 5 metodi da seguire, per praticare una perfetta manutenzione dei tuoi rubinetti. Scopriamoli insieme.

manutenzione-rubinetto7

1. Prodotti chimici

L’utilizzo di prodotti chimici per la pulizia ordinaria o straordinaria della casa divide la platea in due: chi approva e chi preferisce metodi alternativi. Va sottolineato, tuttavia, che i prodotti disponibili oggi in commercio sono, quasi sempre, in linea con le norme definite nel rispetto dell’ambiente e della bio compatibilità. Il primo metodo per la manutenzione dei rubinetti consiste nella scelta di uno spray anti calcare da utilizzare una volta alla settimana. Si consiglia di applicare il prodotto e di aspettare che agisca per qualche minuto.


Leggi anche: 3 rimedi naturali per eliminare il calcare dai rubinetti

A questo punto dovrai rimuovere con cura il detergente, con acqua tiepida ed abbondante. Se vuoi effettuare una pulizia profonda, puoi svitare il filtro del rubinetto e lasciarlo per mezz’ora, almeno, in una soluzione composta da metà di acqua e metà di prodotto anti calcare. Questa prassi ti consente di prevenire fastidiosi depositi di calcare e di avere un flusso d’acqua abbondante e regolare.

manutenzione-rubinetto8

2. Un metodo naturale: l’aceto

L’aceto è un alleato incredibilmente valido nella manutenzione dei rubinetti. Si tratta di un prodotto naturale con una grande forza disincrostante. Puoi utilizzare sia l’aceto bianco che l’aceto di alcol, diluito in acqua, e usarlo come un classico detergente. Per facilitare l’operazione di pulizia, puoi avvalerti dell’uso di un contenitore con tappo spray, all’interno del quale andrai a mescolare acqua e aceto, in parti uguali.

In alternativa, puoi usare uno strofinaccio imbevuto di questa miscela, per eliminare tutti i depositi di calcare e di sporco. Nel caso in cui le parti calcaree siano resistenti e difficili da eliminare, lascia il panno imbevuto di aceto in azione per qualche ora. Sciacqua con cura. L’odore dell’aceto, per quanto forte e persistente, sparirà del tutto una volta asciutto.

manutenzione-rubinetto5

3. Spazzola di metallo

Se la manutenzione ordinaria e la prevenzione relativa al rubinetto non basta, dovrai adottare una tecnica più invasiva. Ti accorgerai che sarà necessario adottare questa pratica quando il flusso dell’acqua si presenta debole. Ti consigliamo di svitare il filtro del rubinetto e di utilizzare una spazzola di metallo di piccole dimensioni, con la quale andrai a strofinare le varie parti da cui fuoriesce l’acqua. Se non possiedi questo strumento, puoi utilizzare anche uno spazzolino dalle setole dure. Provvedi alla pulizia e, una volta concluso, sciacqua abbondantemente con acqua calda, per rimuovere ogni deposito di calcare.


Potrebbe interessarti: Rubinetti in bagno: le frontiere del design

manutenzione-rubinetto1

4. La forza del limone

Ecco un altro metodo naturale, ereditato dalle nostre nonne, che è sicuramente uno dei metodi più validi ed economici. Questa soluzione consiste nell’utilizzare il limone, privato dei suoi semi, e di strofinarlo per qualche minuto direttamente sul rubinetto. Una volta lasciato agire, sciacqua i residui. Il limone, con la sua acidità, è un valido alleato nella rimozione del calcare. Inoltre questo metodo è totalmente sicuro e atossico. Puoi provare a creare un composto formato da limone, aceto e acqua. Provare per credere.

manutenzione-rubinetto2


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

5. Soda caustica

Versatile, utilizzata in diversi ambiti della pulizia domestica, la soda caustica si rivela uno dei metodi più validi nella manutenzione e nella pulizia dei rubinetti. Si tratta di una polvere bianca, che ha origine minerale, con un altissimo potere corrosivo. Per questo motivo ti consigliamo di utilizzarla con attenzione, e con la giusta protezione di guanti resistenti.

Ti basterà utilizzare una piccola quantità di soda, con una spugna morbida e dell’acqua, e strofinare delicatamente su tutta la rubinetteria. per ottenere un risultato ottimale sui filtri, puoi lasciarlo in un contenitore, dove andrai a mescolare due cucchiaini soda in dell’acqua. Lascia agire per almeno mezz’ora e sciacqua con cura. Noterai una grande differenza del flusso dell’acqua, che sarà visibilmente più scorrevole e abbondante. Puoi ripetere questa operazione una volta al mese, o, nel caso in cui l’acqua sia poco ricca di calcare e sali minerali, ogni due mesi.

manutenzione-rubinetto3

Consigli extra

Qualunque sia il metodo che preferisci adottare per la manutenzione dei tuoi rubinetti, è molto importante sapere che i filtri, facilmente rimovibili con l’utilizzo di una pinza, devono essere sostituiti se i depositi di calcare sono persistenti. Si consiglia di rimuoverli e di cambiarli ogni 16 mesi, in autonomia o con l’aiuto di un idraulico.

manutenzione-rubinetto12

Cosa fare per la manutenzione dei rubinetti: foto e immagini

Esempi di rubinetti logorati, altri in condizioni perfette e alcuni strumenti per effettuare al meglio, con 5 metodi, la manutenzione della rubinetteria di casa.

Clelia Ragosta
  • Lingua e letteratura svedese
  • Autore specializzato in Design, Arredamento, Lifestyle
Suggerisci una modifica