Tetrapak-contenitori per alimenti le cose da sapere


Cos’è il Tetra Pak e chi l’ha inventato? E’ differenziabile? Dove si butta il tetrapak nella raccolta differenziata? Ci sono danni per l’ambiente o per la salute? Scopriamo insieme tutti i segreti di questo contenitore e cancelliamo i luoghi comuni.

Tetra_Pak

Il tetrapak è uno dei contenitore per alimenti più diffuso: latte, sughi, succhi di frutta, vino, panna, besciamella sono gli alimenti tipicamente conservati in questo tipo di contenitori. Nessuno mai conosce però i dettagli di questo prodotto, tutti rivelati in questo articolo.


Origine del contenitore Tetra Pak

Tetra Pak è un azienda multinazionale che produce sistemi integrati per il trattamento e confezionamento di alimenti. Fondata nel 1951 in Svezia l’azienda ha poi avuto uno sviluppo mondiale grazie al suo brevetto più prezioso, ovvero proprio il contenitore multistrato per alimenti che erroneamente viene chiamato come il nome dell’azienda. Difatti ogni prodotto ha uno specifico nome che richiamano ad un particolare tipo di confezione.

Il primo prodotto realizzato fu un contenitore in cartoncino per conservare e trasportare il latte.

tetrapak-riciclabile-salute-ambiente-contenitore-multistrato-liquidi-conservazione-01

Caratteristiche del contenitore Tetra Pak

Questo contenitore formato da diversi componenti quali carta, allumino e polietilene, oltre ad essere pratico, è leggero e per nulla ingombrante.

La tecnica di rivestimento che comprende il film plastico, il cartone e l’alluminio lo rende totalmente impenetrabile all’aria e per tale motivo è la confezione ideale per conservare latte, succhi e altri liquidi.

Sicurezza Tetra Pak

Il tetrapak è sicuro dal punto di vista della salute in quanto i prodotti impiegati per la realizzazione dei contenitori sono innocui e privi di effetti collaterali anche a lungo termine.

Il suo uso infatti, è regolamentato da severe norme comunitarie.

tetrapak-riciclabile-salute-ambiente-contenitore-multistrato-liquidi-conservazione-02

Tetra Pak: Vantaggi e sostegno ambientale

Negli ultimi 20 anni l’azienda ha cercato di ridurre al minimo il peso dei contenitori e quindi i materiali utilizzati, ed è riuscita a ridurli del 30%. Inoltre anche il consumo energetico di produzione si è drasticamente ridotto e l’approccio alla sensibilità ambientale è sempre presente.

Inoltre nonostante il prodotto sia multi-strato, grazie alla sua ampia diffusione i centri di riciclaggio di tutto il mondo sono pronti a lavorare questo materiale ottenendone con la carta, principalmente materiali da stampaggio per contenitori di bevande e la parte di polietilene e alluminio generano rispettivamente nuovi prodotti plastici e di alluminio stesso.

Ad oggi con i sistemi perfezionati al massimo, possiamo ottenere anche carta igienica riciclata!

Il prodotto Tetra Pak è riciclabile

In una società moderna come quella di oggi basata sul consumismo sfrenato, i contenitori in tetrapak risolvono in parte anche i problemi dei rifiuti non riciclabili che ultimamente destano seri problemi in numerosi paesi nel mondo.

Da qui l’attenzione e la commercializzazione di prodotti di largo consumo in contenitori che possono essere più e più volte riciclati a vantaggio della salute, dell’ambiente e del dispendio di materie prime sempre più difficili da reperire e dai costi molto alti.

Dopo l’uso infatti, i contenitori in tetrapak  vanno raccolti tra i rifiuti urbani e mandati al macero per il riciclaggio.

Informatevi al vostro comune dove buttare questi particolari contenitori, in quanto può accadere che in qualche comune va aggiunto all’alluminio ed in altri al cartone.

Meglio se abbiamo l’accortezza di lavare bene con acqua il contenitore ed appiattirli per ridurne il volume.

Evitate quindi di buttare questi contenitori dell’indifferenziato.

LauraB
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger
Google News

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta