Perché scegliere una cucina con la penisola


E’ arrivato il momento giusto per scegliere o ristrutturare la cucina! Ma siamo presi da un mix di desideri e di ansie, dovendo tener conto non solo delle dimensioni della stanza ma anche del portafoglio. Se desideri una cucina con penisola, alcune informazioni e consigli, possono risultare utili per la tua scelta.


perchè-scegliere-una-cucina-con-isola-16

La cucina con penisola è considerata quasi un “sogno proibito”, essa ha riscontrato un grande entusiasmo in Italia, a partire dagli anni ’70 del secolo scorso. Successo d’importazione di design statunitense, costituisce una soluzione di arrendo non solo funzionale, ma soprattutto gradevole nella sua estetica. Purtroppo non è sempre facile da collocare negli appartamenti moderni di dimensioni sempre più ristrette. Ed è difficile da inserire anche in case di vecchia costruzione, se non si effettuano degli interventi di ristrutturazione.

Ma ciò nonostante, molte persone non si sono fatte scoraggiare, facendo aumentare le richieste di abbattimento di muri ingombranti, o di ridimensionamenti di lunghi e tortuosi corridoi. Scegliendo, così, una soluzione open space, sempre più vivibile e fruibile per tutto il nucleo familiare. Confermando una tendenza sempre più consapevole nell’intendere la zona living più protagonista nelle nostre case.


Leggi anche: Come disporre i mobili in cucina

cucina-con-penisola-13


Le zone cucina del passato

Non tutti sanno che questa stanza, così importante nelle nostre abitazioni, nasce in realtà come un luogo caldo e scomodo. Vissuto solo dalla servitù o dalle donne di casa, costrette a dover fare i conti con fuochi e camini, attrezzi pericolosi ed ingombranti. Una zona di servizio e di necessità, adibita solo alla cucina dei cibi, distanziata dalla sala da pranzo. Insomma, se dovessimo considerarle come semplici zone in cui nascevano i focolai nel paleolitico, potremmo sorriderci su. Ma, in realtà, nel corso dei secoli le prime cucine sono simili a quella di Cenerentola. E in quel caso, non ci scherzeremo poi così tanto!

scegliere-cucina-con-penisola-3

La nascita della cucina con la penisola

Fortunatamente con il migliorarsi dello stile di vita, la cucina ha iniziato ad aprirsi al resto della casa. E proprio partendo da questa graduale rivoluzione sociale, che oltre oceano, nascono le prime penisole da cucina. I primi modelli prevedevano semplici pensili installati sopra il mobilio a parete che finiva con dei blocchi in sporgenza, da qui il nome penisola.

Grazie alle varie invenzioni dei fornelli a gas e l’elettricità, la cucina diventa sempre più tecnologica e semplice da utilizzare. Fino ad arrivare ai nostri tempi, dove all’utilità del mobilio si unisce la necessità di creare forme sempre più ergonomiche attente alle ultime tendenze.


Potrebbe interessarti: Cucina con penisola: 7 design originali

cucina-con-penisola-5

Una divisione degli spazi di tendenza

Se la zona living diventa necessaria per una famiglia, che sceglie uno spazio aperto per la cucina e la zona tv, allora sicuramente la cucina a penisola diventa una scelta pratica e funzionale. Essa rappresenta una soluzione ottima, quando la si vuole creare senza muri divisori.

Ottenendo, così, una separazione a vista della zona cooking da quella del living. Per comporla o crearla, non è importante avere gradi spazi, ma sicuramente è fondamentale che la stanza sia quadrata o almeno rettangolare. Può essere realizzata anche in piccole metrature, inserendo dei top che abbiano una configurazione a C o ad L.

scegliere-cucina-con-penisola-5

Le varie proposte sul mercato dell’arredo

I vantaggi  di questa tipologia di cucina sono moltissimi, le proposte sul mercato dell’arredo sono varie e per tutte le tasche. Ovviamente esistono quelle più lussuose e quelle più economiche, tutto dipende nel trovare dei giusti compromessi.

La si può creare o ottenere con sapiente gusto, anche senza l’aiuto di un architetto e molte aziende propongo vari modelli, materiali e stili completamente diversi. Esistono quelle più squadrate e razionali, composte da  molti comparti  a vista o a scomparsa, fino ad arrivare ai modelli affusolati o tondeggianti che riprendono e utilizzano tutto lo spazio sfruttabile esistente.

scegliere-cucina-con-penisola-6

Cucina con penisola: versatilità

La penisola in una cucina rappresenta una soluzione versatile dai molti utilizzi, ottima per qualsiasi tipo di famiglia che vuole coniugare i vari momenti della vita nella zona giorno della propria casa. I bambini posso fare i compiti sul bancone della penisola, laddove tavolo, o fare merenda mentre i genitori cucinano o sistemano la spesa nel frigo. Bisogna pensarla in base alle necessità del nucleo familiare!

Un primo consiglio utile è la verifica, nella quotidianità, di quante persone vivono nello stesso tempo la cucina, oppure la velocità del consumo dei pasti, in attesa di potersi finalmente distendersi sul divano a guardare la propria serie preferita in tv.

La cucina con la penisola è da considerarsi e da progettare come una zona lavoro in più su cui contare, può essere semplicemente un tavolo fisso o a ribalta, oppure un piano d’appoggio operativo. Alcuni progetti la propongono con molti dettagli, visibili nei due lati lunghi. Non sfugge al particolarismo creativo neanche il lato corto, chiuso o aperto, dove vengono posizionate al suo interno una piccola libreria o cantinetta.

cucina-con-penisola-3

Cucina con penisola: vivibilità

Diverso è l’utilizzo della penisola se la si pensa come focus centrale della cucina, in questo momento alcune cose cambiano e vanno considerate. In quanto, il mobilio a parete resta un lungo piano di lavoro o in alcuni casi anche riorganizzato per gli altri robot da cucina. Se invece, i banconi (o top bassi) della cucina con penisola saranno interessati alla sistemazione del lavandino o del piano cottura, la situazione cambia. Ed in questo caso, eseguire alcuni controlli può risultare non solo utile ma indispensabile, come ad esempio:

  • Verificare la possibilità di allaccio dell’elettricità e del gas nel momento dell’incasso di un forno o di un piano cottura.
  • Istallazione o riorganizzazione dell’impianto idraulico per posizionarvi dei lavelli.
  • Montaggio a norma (UNI 7129), dei dispositivi di sicurezza anti-incendio, garantendo la corretta areazione dell’impianto della cappa aspirante. Essa deve essere posizionata ad una distanza di sicurezza dai fornelli e collegata bene al condotto fumario di scarico.

Dunque un sogno tutto da ideare, stimolante e creativo, di tendenza ma anche smart. Ora vi è solo l’imbarazzo della scelta delle funzioni e degli stili, non resta che realizzarla!

scegliere-cucina-con-penisola-8

Perché scegliere una cucina con la penisola foto e immagini

Vittoria Guaccio

Commenti: Vedi tutto