Errori da non fare nel progetto della cabina armadio

Maria Chiara Barsanti
  • Dott. in Relazioni Internazionali

La cabina armadio è il sogno di tutte le fashion addicted, ma può trasformarsi in incubo se non arredata al meglio. Ecco tutti gli errori da evitare nel progetto.

errori-non-fare-progetto-cabina-armadio-2

In tutti i film e serie tv le case da sogno hanno la cabina armadio. Ecco perché sempre più spesso la si sceglie per la propria abitazione.

Nella cabina armadio troveranno spazio tutti tuoi vestiti, ma anche scarpe e accessori. La cosa essenziale è che sia tutto organizzato e in ordine in modo tale da avere tutto a vista e sempre a portata di mano, ma non regni il caos.

Per far ciò non possono mancare scatole, contenitori e organizzatori interni per cassetti. Inoltre, bisogna seguire pochi semplici regole in fase di progettazione: attenzione a non compiere neanche uno solo degli errori di cui a breve parleremo, altrimenti la catastrofe è dietro l’angolo. Vediamoli insieme.


Leggi anche: Cosa non può mancare nella tua cabina armadio: 10 accessori must have

1. Non ottimizzare gli spazi a disposizione

La cabina armadio è il sogno di tutti, ma se non organizzata al meglio diventerà un incubo. La prima cosa da fare in fase di progettazione è quella di prendere bene le misure e valutare come arredare lo spazio approfittando di ogni centimetro disponibile.

A tal proposito, un progetto con i fiocchi ha una struttura angolare e sfrutta tutto lo spazio verticale. Innanzitutto i vestiti lunghi saranno distesi e eviterai spiacevoli spiegazzature indesiderate, ma in aggiunta potrai riporre nei ripiani più in alto la biancheria da letto, il cambio di stagione e magari anche l’attrezzatura per la neve. Più in basso, seguiranno abiti ed accessori di uso più frequente.

Se non vuoi sovraccaricare lo spazio visivamente, lascia tutto a vista. Per tenere in ordine, utilizza scatole e contenitori: i più comodi sono quelli trasparenti che permettono di avere sempre sott’occhio il contenuto.

Inoltre, una buona strategia per ampliarlo ulteriormente è quella di inserire un grande specchio a figura intera. Gli specchi possono avere infatti questa duplice funzione e spesso vengono utilizzati negli spazi ridotti per rendere l’ambiente visivamente più grande e luminoso. Per completare il tutto, ricorda di posizionare anche un specchio più piccolo alle spalle per guardarti al meglio.

cosa-non-può-mancare-cabina-armadio-2

2. Sparpagliare le scarpe alla rinfusa

Forse il tuo sogno iniziale era la cabina armadio di Carrie Bradshaw con tutte le décolleté in bella mostra sui ripiani, ma se lo spazio a tua disposizione non permette una sistemazione simile, piuttosto che lasciare tutte le scarpe sparse a terra oppure alla rinfusa sul fondo della stanza sarà meglio lasciarle nei loro scatoli.


Potrebbe interessarti: Arredare con cabina armadio alle spalle del letto: alcune ispirazioni

In teoria la soluzione migliore, anche dal punto di vista della pulizia, è posizionare le scarpe all’interno di una scarpiera, ma se proprio non vuoi rinunciare all’idea di tenerle a vista potrai scegliere quegli organizzatori in tessuto da appendere sul retro della porta oppure direttamente ai bastoni appendiabiti.

In realtà è sempre meglio conservare le scarpe al chiuso perché saranno al riparo da polvere ed altre eventuali fonti di macchie.

3. Accumulare roba mai indossata

Perfino la cabina armadio più ampia e spaziosa non deve diventare luogo di accumulo compulsivo di cose mai indossate. Prima di riempirla, dedicatevi una bella sessione di decluttering: conoscete il metodo di Marie Kondo?


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

Dopodiché decidete se donare tutti gli abiti dismessi oppure metterli in vendita. Al giorno d’oggi esistono tante app che permettono di farlo, contribuendo così a ridurre l’impatto ambientale e donando nuova vita ai vostri capi magari mai usati.

errori-non-fare-progetto-cabina-armadio-3

4. Sbagliare l’illuminazione

Immaginate di aver passato ore nella vostra cabina armadio per scegliere come abbinare al meglio l’abito che indossate. Immaginate poi di uscire di casa e notare che i colori che avete selezionato non si abbinano affatto!

Com’è possibile? Semplice, avete commesso un errore madornale sull’illuminazione.

Il più delle volte le cabine armadio non hanno finestre quindi sarà necessario riprodurre la luce naturale con delle lampadine con una temperatura compresa tra i 400K e i 5500K. Sono sempre preferibili quelle a LED, economiche e poco inquinanti.

Un progetto di illuminazione ottimale comprende una luce centrale e delle luci d’accento in punti strategici, come ad esempio nei pressi dei bastoni appendiabiti e dello specchio. Una valida alternativa sono i faretti posizionati lungo tutto il percorso del mobilio oppure le strisce LED direttamente sotto i ripiani.

5. Non personalizzare l’ambiente

Si sa, l’occhio vuole la sua parte. Un errore altrettanto grave rispetto ai precedenti sarebbe quello di non personalizzare la propria cabina armadio e renderla un semplice guardaroba, freddo e spoglio.

Innanzitutto, anche qui bisognerà scegliere uno stile d’arredo e riproporlo sia nel mobilio che nei complementi. Una cabina armadio moderna avrà pareti divisorie in vetro e alluminio, all’interno bastoni appendiabiti in metallo e pochi altri fronzoli.

La versione glamour avrà un parato con motivi floreali e colori sgargianti, un grande specchio a figura intera ed anche una poltroncina oppure un divanetto destinato ad accogliere le amiche chiamate a raccolta per scegliere l’outfit di un colloquio importante.

Una seduta, qualunque essa sia, si rivelerà utile anche per calzare le scarpe, con o senza Principe Azzurro.

errori-non-fare-progetto-cabina-armadio-4

Errori da non fare nel progetto della cabina armadio: immagini e foto

Dai un’occhiata a questa gallery fotografica e progetta la tua cabina armadio da segno, senza errori.