Doccia con porta battente: 5 modelli funzionali per ogni spazio

Doccia con porta battente: come scegliere quella giusta per il proprio bagno? Dai modelli tradizionali con anta singola, a quelli con doppia anta o con sistemi di apertura a pivot. Scopri 5 modelli funzionali per ogni esigenza di spazio. 

doccia-porta-battente (7)

La porta battente è tra le tipologie di apertura più utilizzate in assoluto per i box doccia. Classica e senza tempo, piace perché agevola le operazioni di pulizia del vetro, oltre a essere versatile e facilmente integrabile in qualsiasi spazio. Che si tratti di una doccia collocata in una nicchia, in un angolo o al centro della stanza da bagno, esiste una porta a battente perfetta per ogni esigenza.

Si può ricorrere a un sistema di apertura a battente quasi nella maggior parte dei casi; l’importante è assicurarsi di avere sufficiente spazio per aprire l’anta, in modo da poter entrare in doccia senza doversi improvvisare degli abili contorsionisti.


Leggi anche: Doccia design moderno: 20 esempi fantastici

Altro dettaglio da non trascurare è la direzione e l’angolo di apertura della porta, che andrà fissata in modo tale da non sbattere contro altre superfici, come la porta d’ingresso, un arredo o la parete del bagno. In tutti gli altri casi sarà necessario optare per un altro tipo di soluzione, come le porte scorrevoli, pieghevoli o gli schermi fissi.

Ma vediamo quali sono le soluzioni più gettonate e che è possibile adottare per un box doccia con porta a battente: scopri 5 modelli funzionali adatti a ogni esigenza di spazio.

piatto-doccia004

1. Doccia con una sola anta a battente

doccia-porta-battente (2)

La doccia con anta a battente singola rimane ancora la soluzione più gettonata nei nostri bagni, ma è anche quella che dà maggiori problemi in termini di apertura.

Può essere una valida soluzione per i box ad angolo e per le docce collocate in una nicchia, ma con centimetro alla mano bisogna considerare l’ingombro dell’anta durante l’apertura, soprattutto se davanti alla porta ci sono dei mobili o i sanitari.

In quel caso sarebbe difficile aprire completamente l’anta del box per poter entrare in doccia. Tuttavia, una soluzione alternativa c’è: la doccia con porta a battente a doppia anta.


Potrebbe interessarti: Come scegliere la porta giusta per il bagno

2. Doccia con porta battente a doppia anta

doccia-porta-battente (11)

Se hai un bagno a pianta rettangolare lungo e stretto, non è detto che tu debba rinunciare a priori alla doccia con porta a battente. La soluzione più consona a un bagno stretto è sicuramente la doppia anta a battente, che riduce l’ingombro dell’anta del 50% rispetto a una tradizionale porta a battente.

La porta del box è inserita in un telaio che può essere di alluminio o di acciaio, con profili visibili o ridotti al minimo a seconda dello stile d’arredo prescelto. Anche le maniglie d’apertura possono essere personalizzate in base al proprio gusto: in commercio esistono tantissime varianti di box con anta doppia per assecondare ogni tipo di esigenza.


Hai problemi con le piante? Iscriviti al gruppo

L’anta doppia, pur riducendo di molto l’ingombro della porta, rimane comunque una soluzione da considerare solo nel caso in cui ci sia sufficiente spazio d’apertura davanti alla doccia, da consentirti un ingresso agevole. Se questo non fosse possibile, puoi optare per un sistema di apertura a pivot: vediamo di cosa si tratta.

3. Box doccia con anta pivot

doccia-porta-battente (1)

Il sistema di apertura a pivot (o pivotante) consente di ruotare liberamente la porta della doccia verso l’interno, eliminando il problema dell’ingombro di apertura esterno.

L’anta ruota grazie a un perno installato all’interno del box, che le consente di girare sia all’interno che all’esterno della doccia rendendo, dunque, più pratica e agevole la sua apertura.

Questa soluzione è sempre praticabile e consente di poter installare un box doccia con anta singola a battente anche a chi non ha molto spazio disponibile in bagno. Esiste, poi, anche la versione pivotante per chi desidera una doppia anta a battente: le ante rientrano completamente all’interno del box, ruotando di 180° sui rispettivi perni.

Il vantaggio di questo sistema di apertura consiste nell’eliminazione totale dell’ingombro esterno. Inoltre, con una porta pivotante, non rischi il gocciolamento sul pavimento al momento dell’uscita dalla doccia. Un vantaggio da non sottovalutare, soprattutto se in casa ci sono persone anziane con difficoltà motorie che desideri proteggere dal rischio di scivolamenti imprevisti.

4. Doccia con porta battente a chiusura magnetica

impermeabilizzare-doccia-5

Molti sono convinti che una porta a battente non sia sempre una soluzione funzionale, per via del deterioramento delle guarnizioni in basso che tendono a usurarsi precocemente a causa del peso della porta.

In realtà, i box doccia moderni sono dotati di cerniere con sollevamento, che risolvono il problema del peso dell’anta senza incidere sulla forma delle guarnizioni.

In più hai anche la possibilità di optare per un tipo di chiusura magnetica che, oltre a semplificare il movimento di apertura, aumenta anche la tenuta delle ante, soprattutto in caso di profili ridotti al minimo.

5. Porta a battente con lato fisso

doccia-porta-battente (10)

La doccia con porta a battente può essere installata anche quando il box supera le dimensioni standard. Se possiedi un box di grandi dimensioni, puoi optare per una porta a battente singola affiancata da un pannello fisso, che riduce le dimensioni dell’anta eliminando il problema dell’ingombro di apertura esterno.

L’anta potrà essere posizionata comodamente sul lato che preferisci, liberando lo spazio anteriore da un eventuale ingombro di apertura.

Questa soluzione è anche quella più gettonata da chi desidera collocare la doccia in angolo stretto: un box del genere, infatti, risulta molto meno ingombrante e sicuramente più funzionale nei bagni di dimensioni ridotte.

Doccia con porta battente: immagini e foto

Desideri installare una doccia con porta battente, ma non sai quale modello scegliere? Scopri subito quale soluzione si adatta meglio alle tue esigenze sfogliando questa galleria di immagini.

Patrizia D'amora
  • Laurea in Giornalismo e Cultura editoriale
  • Autore specializzato in Arredamento, Lifestyle
Suggerisci una modifica