Come scegliere le porte tagliafuoco

Gaia Giovannone
  • Giornalista pubblicista

Alcuni tipi di ambienti hanno bisogno di infissi specifici, vediamo insieme quali sono le porte tagliafuoco migliori e come sceglierle e usarle al meglio e in tutta sicurezza. 

Come-scegliere-le-porte-tagliafuoco-06

Le porte che servono per determinate location devono avere specifiche caratteristiche. Stiamo parlando degli spazi destinati al pubblico oppure di ambienti di servizio; in particolare potrebbero essere, ad esempio, porte per le cantine, per i garage o per gli spogliatoi. Si tratta di luoghi che hanno bisogno di infissi innanzitutto molto resistenti ma devono anche durare nel tempo senza usurarsi ed essere sicuri (e quindi proteggere da fumo ed eventuali incendi).

Per questo motivo e per molte altre ragioni, le porte tagliafuoco vanno scelte principalmente proprio in base al luogo in cui andranno collocate. Bisogna poi tenere conto di tutte le vostre esigenze e di tutte le vostre necessità per non parlare del fatto che, se possibile, andrebbero anche abbinate a tutto l’arredamento circostante.

Come-scegliere-le-porte-tagliafuoco-03

Le porte tagliafuoco

Le porte tagliafuoco altro non sono che le porte antincendio, nome con cui sono più comunemente conosciute. Come da definizione, sono fondamentali per alcuni luoghi perché questi spazi, tutti gli oggetti e soprattutto le persone che ospitano saranno messi più in sicurezza in caso, appunto, di incendio. È proprio per garantire la tutela delle persone, infatti, che questi infissi risultano obbligatori nella maggior parte degli edifici pubblici.

E, se da una parte per tutelare pubblicamente gli uomini e le donne queste porte si rivelano spesso obbligatorie, anche nel privato possono essere scelte per avere la giusta protezione in più. L’isolamento termico che contraddistingue le porte tagliafuoco serve appunto per resistere alle alte temperature e bloccare eventualmente le fiamme.

In base a tutte le vostre esigenze e a tutte le vostre necessità potrete poi scegliere le porte a doppia anta oppure le porte a un solo battente. Prima di essere messi in commercio, questi tipi di infissi vengono testati; successivamente vengono venduti con tutte le adeguate indicazioni sul loro specifico funzionamento.

Come-scegliere-le-porte-tagliafuoco-01

Le caratteristiche

Come abbiamo accennato, ci sono delle caratteristiche fondamentali che non possono mai mancare nelle porte tagliafuoco. Si tratta di vere e proprie particolarità che rendono questi speciali infissi a norma. Non stiamo parlando quindi solo di praticità e utilità ma di vere e proprie specificità indispensabili, ecco quali sono.

Partiamo innanzitutto dalla resistenza cioè la capacità che le porte tagliafuoco devono avere di resistere alle fiamme cioè mantenere un incendio dove è scoppiato e non farlo espandere. Poi abbiamo l’ermeticità che non farà uscire dalla stanza in questione gas vari ed eventuale fumo. Alla fine, ma certamente non per importanza, abbiamo l’isolamento termico che isola appunto interamente un locale da un altro anche se confinante.

Come-scegliere-le-porte-tagliafuoco-05

I materiali più giusti

Anche per quanto riguarda i materiali la scelta ricade sulle esigenze personali ossia sulla location in cui andremo a installare le porte tagliafuoco. Per i garage e le cantine potrebbe essere perfetta la lamiera zincata, uno dei materiali più utilizzati perché offre numerosi vantaggi. Oltre alla resistenza e al prezzo abbordabile, presenta delle fessure che faranno traspirare l’aria al meglio prevenendo così anche la formazione di muffa.

Un altro materiale ottimo a questo scopo è il PVC, usato principalmente per palestre e bagni. Oltre alla resistenza non solo al tempo ma anche agli agenti atmosferici, le porte tagliafuoco fatte di questa sostanza offriranno anche isolamento termico e impermeabilità. Anche l’acciaio comprende tutte le caratteristiche positive già elencate ed è molto usato; questo però dovrà essere accompagnato da vermiculite, vetro, legno, gesso. Inoltre, la serratura e il blocco di chiusura insieme ai suoi dispositivi sono indispensabili in questo caso.

Come-scegliere-le-porte-tagliafuoco-04

Gli ambienti dove usare le porte tagliafuoco

Come abbiamo accennato, le porte tagliafuoco devono essere scelte principalmente in base all’ambiente in cui andranno poi collocate; ma scopriamo tutti i dettagli più nello specifico.

Palestre

Le porte tagliafuoco per le palestre ma anche, ad esempio, per tutti i tipi di spogliatoi devono avere delle caratteristiche ben precise. Questi tipi di infissi dovranno infatti essere soprattutto facili da pulire. La resistenza all’acqua e all’umidità sarà poi una particolarità essenziale e dovrebbero riuscire a durare nel tempo senza usurarsi troppo prematuramente.

Come-scegliere-le-porte-tagliafuoco-08

Garage

Alcuni tipi di garage hanno accesso diretto all’abitazione; è proprio in questo caso che sono consigliate le porte tagliafuoco usate generalmente per gli spazi pubblici ma utili anche, a volte, per quelli privati. Questo luogo, infatti, ospitando al suo interno una macchina potrebbe essere più esposto a pericoli come fumo e incendi che possono essere evitati o meglio rallentati dagli infissi più adatti, spesso in acciaio.

Come-scegliere-le-porte-tagliafuoco-09

Cantine

Isolamento termico e sicurezza. Queste sono due delle caratteristiche delle porte tagliafuoco o delle porte tamburate o zincate che sono perfette anche per l’apertura di una cantina. In questo luogo infatti spesso vengono conservati vini e alimenti che hanno bisogno del giusto livello di umidità soprattutto in uno spazio che spesso è situato nel piano interrato.

Come scegliere le porte tagliafuoco

Come scegliere le porte tagliafuoco: immagini e foto

Ecco qui per voi nella nostra galleria fotografica le porte tagliafuoco da scegliere e usare al meglio seguendo poche e semplici indicazioni.