5 mobili degli anni ’70 da avere in casa

Patrizia D'amora
  • Dott. in Giornalismo e Cultura editoriale

Arredamento anni ’70: quali sono i mobili più celebri del decennio? Ecco 5 arredi imperdibili da avere in casa. Scopri i materiali, i colori e le fantasie che hanno rivoluzionato l’interior design degli anni ’70.

mobili-anni-70-da-avere-in-casa (3)

Gli anni ’70 sono stati contrassegnati da molti eventi storici importanti, che hanno condizionato fortemente la visione del futuro, innovando tutti i campi dell’arte e dell’estetica. La crisi petrolifera del 1973 ha sicuramente avuto un impatto decisivo sull’interior design, che rispetto al decennio precedente ha iniziato a guardare con più fiducia alla tecnologia e alle fonti energetiche alternative.

Proprio in questo decennio si assiste alla tendenza di accostare materiali nuovi, che entrano per la prima volta nel mondo dell’arredamento; il vinile, la pelle e l’alluminio, caratterizzati dai colori sgargianti, rappresentano la voglia di sperimentare in libertà e sono un tratto tipico di tutto il decennio.

Infine, il rigore geometrico e le linee scattanti assumono un ruolo di primo piano nella scelta dei rivestimenti. Da queste premesse è facile intuire quanto l’estetica futuristica degli anni ’70 eserciti tutt’oggi un grande fascino.

Alcuni pezzi di arredamento sono diventati delle vere e proprie icone di quegli anni, e per chi desidera respirare ancora quell’atmosfera di libertà, riproponiamo i mobili più celebri degli anni ’70 che bisognerebbe assolutamente avere in casa. Scopri i 5 arredi must have del decennio più rivoluzionario della storia!

mobili-anni-70-da-avere-in-casa (2)

1. Madia di legno in stile minimal

Lo spirito spregiudicato degli anni ’70 si incarna perfettamente in un arredo funzionale come la madia: la tradizionale dispensa della nonna acquista un’anima più grintosa, grazie a un design essenziale e fortemente geometrico.

Il legno di noce rimane un protagonista indiscusso dell’arredamento, ma viene valorizzato attraverso un gioco di incastri geometrici, che richiamano le tendenze astratte della seconda metà del secolo.

Se desideri una madia anni ’70, prediligi la semplicità delle forme: le ante sono prive di orpelli e i volumi scarni, per consentirti di avere uno spazio di contenimento sufficiente ma mai ingombrante.

mobili-anni-70-da-avere-in-casa (14)

2. Ball Chair: la seduta iconica degli anni ’70

La Ball Chair è diventata un’icona dell’interior anni ’70, grazie al design futuristico che è riuscito a sovvertire i rigidi canoni del passato. La Ball Chair è una poltrona a sfera con una comoda imbottitura interna, che invita ad assumere una postura molto informale.

Il modello originario era stato ideato dal designer Eero Arnio, con una scocca in fibra di vetro colorato, ravvivato dalle tonalità più sgargianti e tipiche del decennio (come il giallo, l’arancione e il nero).

Le successive rivisitazioni hanno innovato il concetto di Ball Chair, fino a trasformarla in Bubble Chair: si tratta di una poltrona sospesa al soffitto tramite una catena. A differenza della Ball Chair, questa seduta è realizzata in materiale trasparente per consentire alla luce di illuminare anche l’interno. Se vuoi rifugiarti in una bolla di relax non puoi non averne una!

mobili-anni-70-da-avere-in-casa (13)

3. Divano con design futuristico

Anche il divano acquista un aspetto più morbido e confortevole. Gli angoli si arrotondano e la linea diventa più sinuosa, per dare vita a un sofà dal design futuristico, che trae ispirazione da un rinnovato interesse per i viaggi spaziali.

I divani anni ’70 hanno tutti un aspetto florido e colori audaci. La rottura con il passato avviene di netto, attraverso l’impiego di materiali innovativi che danno vita a nuove e interessanti composizioni.

Nel campo dell’arredamento tutto questo si traduce con una forte carica di sperimentalismo e di libertà. Le stampe optical, i motivi floreali e i pattern geometrici dominano i rivestimenti e i tessuti, e portano in casa un’esplosione di anticonformismo.

mobili-anni-70-da-avere-in-casa (5)

4. Mobile basso per giradischi

I mobili modulari sono una conquista importantissima di questo decennio. Il living non è più concepito come il classico salotto borghese, ma diventa uno spazio più ampio, che ospita anche la televisione e il giradischi. La presenza di questi due elettrodomestici richiede il giusto spazio: i mobili per vinili e giradischi sono uno dei must have della zona giorno.

I moduli sono spesso arricchiti dall’accostamento di materiali diversi, come la plastica o il vetro fumé, utilizzati per chiudere le ante. Come per la madia, anche qui il design è scarno ed essenziale: ciò che conta davvero è dare spazio alla funzionalità degli elementi.

mobili-anni-70-da-avere-in-casa (8)

5. Tavolo Quaderna

Come abbiamo accennato in precedenza, tra i tratti tipici del decennio ci sono l’utilizzo della linea e delle forme geometriche pure. Nel campo dell’interior design il rigorismo geometrico diventa una costante, che si esplica alla perfezione nel celebre tavolo Quaderna di Zanotta.

Il tavolino in legno è caratterizzato da una serigrafia con una stampa a quadretti di 3 centimetri, che rivestono completamente la superficie bianca di laminato. Il rigore geometrico è amplificato dal design minimale del tavolo, costituito da tre blocchi rettangolari diversi, ma uniti dall’intreccio continuo delle linee.

mobili-anni-70-da-avere-in-casa (9)

Mobili anni ’70 da avere in casa: immagini e foto

Vorresti arricchire l’arredamento con i mobili iconici che hanno caratterizzato gli anni ’70? In questa galleria di immagini puoi trovare ulteriori spunti d’ispirazione, che ti aiuteranno a ricreare l’atmosfera spensierata e irriverente del decennio più rivoluzionario della storia.