Toelettatura Gatti e Cani: i migliori centri della tua città


Possedere un animale domestico, oltre a riempire la casa di allegria, richiede una cura particolare, dall’alimentazione alla gestione dell’igiene. Proprio per questo diventa importante la toelettatura, termine derivato dalla lingua francese che sta ad indicare originariamente l’arte del toelettatore di mettere in evidenza la bellezza e l’eleganza del cane o gatto a lui affidato. Il termine nel corso del tempo è diventato poi di uso comune e stabilisce la pulizia dell’animale attraverso lavaggio e taglio del pelo.
La toelettatura per cani e per gatti è differenziata a seconda delle razze, questo perchè ogni tipologia di pelo fa storia a sè e deve avere una modalità diversa di trattamento nel rispetto delle relative caratteristiche.
Esistono quattro tipologie di toelettatura:
Bagno e asciugatura: il lavaggio vero e proprio del cane e del gatto con prodotti clinicamente testati e adeguati per la pelle e pelo dei nostri amici animali e l’asciugatura che avviene normalmente con apparecchiature specifiche.
Forbice: si tratta della classica spuntatura del pelo
Tosatura: il pelo del cane o gatto viene tosato, rispettando però le esigenze strutturali dell’animale stesso
Stripping: è uan tipologia di toelettatura molto diffusa e si pratica esclusivamente su cani a pelo duro. Tra le razze che richiedono questo tipo di trattamento ci sono:
Bassotto a Pelo duro
Fox terrier a Pelo ruvido
Schnauzer nano
Schnauzer medio
Schnauzer gigante
Scottish terrier
Jack Russell Terrier a pelo duro

A questo punto non ci resta che darvi qualche piccolo suggerimento nel caso in cui abbiate invece un gatto molto difficile da gestire come può esserlo un persiano.
Il gatto persiano, complice un pelo molto folto e apparentemente ingestibile, ha bisogno di molte cure in termini di pulizia e va dunque lavato molto spesso a seconda dello stile di vita che si è scelto per lui. Se è un gatto da esposizione, andrà lavato ogni 15 giorni, se è un gatto d’appartamento invece, una volta ogni due mesi è più che sufficiente.
L’avvertenza nel lavaggio del gatto (e questo non solo pe ri persiani) è quella di abituarlo sin da piccoli… lavarli una volta l’anno diventerebbe un’impresa non da poco. Ricordate che sono felino!
Prima di affrontare il lavaggio vero e proprio del gatto, togliete i nodi che normalmente si creano sul manto e passate poi alla più classica delle docce. Posizionatelo nella vasca o nel lavabo e bagnatelo con lo spruzzatore della doccia. La temperatura dell’acqua deve essere sui 38,5 gradi e il gatto andrà poi shampato con prodotti idonei al suo ph e pelo. Riasciacquatelo con estrema cura e scrupolosità. Asciugatelo poi con un phon potente e silenzioso, spazzolando il manto contropelo.
Ogni grande centro cittadino è dotato di strutture specializzare per la toelettatura dei cani e dei gatti, affidatevi sempre però allo stesso toelettatore, questo per creare un legame di fiducia importantissimo ai fini della buona riuscita della toelettatura: conoscere bene l’animale che si sta trattando è infatti un buon punto di vantaggio.

toelettatura

 

gatto persiano

 

Animali
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger

Google News

Il meglio di Casaegiardino.it

Ricevi gratuitamente la newsletter con le migliori guide ed articoli esclusivi.

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta