Gattini da guardia? Esistono eccome!

Nicola Spisso
  • Autore specializzato in architettura e design d'interni

La notizia che ci arriva dal web e della quale vi parliamo oggi, ha davvero dell’incredibile! Ma facciamo prima un piccolo passo indietro. Sicuramente tutti noi sappiamo –anche i più profani, cioè coloro che magari non hanno mai posseduto un cane o un gatto in casa- che gli amici miao e bau hanno caratteristiche molto differenti fra loro. Il gatto ama perlopiù starsene in quiete e tranquillità, magari concedendosi delle piacevoli arrampicate sugli alberi o per i tetti. I cani invece sono più giocherelloni, attaccati e dipendenti dall’essere umano, e per questa ragione, spesso presentano delle caratteristiche da ‘cane da guardia’, volte a proteggere in maniera anche energia il proprio territorio e quello del loro amato padrone. Ebbene, per una volta pare che sia il gatto, ad aver assunto un atteggiamento ‘da guardia’!  La storia ci giunge da Londra, dove vive un micio di nome Millie, che ben presto è balzato agli onori della cronaca per essere a tutti gli effetti e senza ombra di dubbio, il ‘primo gatto da guardia’ al mondo (o quantomeno di cui si sia mai sentito parlare…). Come si sono palesate queste sue doti? Millie ha avuto modo di dimostrare, al proprietario di una fabbrica inglese di giocattoli, che è benissimo in grado di tenere d’occhio la merce, riuscendo a segnalare per tempo e in maniera inequivocabile, gli eventuali tentativi di furto tra gli scaffali. Si arrampica sugli scatoloni in maniera agile e veloce, è silenzioso e, per lanciare l’allarme, si mette a miagolare forte, così da poter essere udito bene dal proprietario della fabbrica. Quest’ultimo è assolutamente soddisfatto dell’operato di Millie, il micio di razza Bengala, tanto da aver dichiarato soddisfatto. “I giocattoli sono in buone zampe!”. Ma l’ineccepibile servigio del ‘gatto da guardia’ presuppone anche un pagamento: per lui ricchi piatti a base di pesce e cibo prelibato.

 

 

Gattini da guardia? Esistono eccome!