Diritti degli animali: lasciarli in auto è reato

Spesse volte, capita di assistere a questa scena: un’auto parcheggiata, con un piccolo spiraglio di finestrino aperto e dentro un povero cane che abbaia impaurito. Ebbene, se assistete a questa scena, sappiate che da oggi i proprietari di quel cane potranno essere puniti per legge. Passa infatti in Cassazione una sentenza che giudica l’abbandono dei cani nei veicoli come un vero e proprio reato a tutti gli effetti. Una misura sicuramente importante, se si considera che molti di questi poveri cani, come capita di leggere nelle cronache dei giornali, rimangono anche uccisi all’interno dell’abitacolo dei veicoli, magari a causa delle altissime temperature che, specialmente in estate, arroventano le auto. La sentenza che ritiene reato l’abbandono degli animali nei veicoli, è scaturita dalla terza sezione penale della Corte Suprema (sentenza 44902), che ha ritenuto responsabile una donna che aveva lasciato da solo il suo cane in auto per molto tempo, facendo accorrere intorno al veicolo vigili urbani e un veterinario, che hanno tentato di liberare il povero animale. La donna, dopo essere stata sanzionata di 1000 euro, aveva fatto ricorso che poi successivamente è stato appunto rigettato, considerando un vero e proprio reato l’atto incauto e insensibile della donna… Ecco cosa si può leggere nella sentenza in questione: “Il giudice del merito ha esposto in maniera assolutamente coerente il proprio percorso argomentativo a sostegno della condanna dell’imputata per maltrattamento di animali”. E speriamo che questa storica sentenza inculchi in molte persone proprietarie di cani, un atteggiamento molto più rispettoso della vita di un animale indifeso che, purtroppo per lui, non è messo in grado di poter scegliere…

 

Diritti degli animali: lasciarli in auto è reato

Nicola Spisso
  • Laureando in Ingegneria Edile - Architettura
  • Web e Graphic Designer professionista
  • Master in digitale presso Google conseguito nel 2016
  • Autore specializzato in architettura e design d'interni
Suggerisci una modifica