Criceto Russo Nano: caratteristiche e alimentazione

Nicola Spisso
  • Autore specializzato in architettura e design d'interni

Il criceto russo è un animale veramente delizioso. Il suo mantello grigio chiaro caratterizzato da una striscia un po’ più scura sul dorso e le sue piccole dimensioni (raggiunge la lunghezza massimo di 12 cm), lo rende amabile e tenero, apprezzato molto dai bambini ed adattissimo da tenere in casa. Il suo nome, oltre che Criceto Russo è anche winter white, criceto siberiano o orsetto russo e fa parte della famiglia dei Cricetidi, dell’ordine dei Roditori. La sua vita non è lunghissima (ovviamente se paragonata a quella degli esseri umani), due o al massimo tre anni, ma per tutti coloro che amano questo genere di animali, visto anche il carattere dolce e socievole, non troppo vivace e quindi adattissimo anche ai bambini, non potrà che portare gioia in una casa. Essendo nati in cattività, i criceti russi che vengono acquistati nei negozi di animali solitamente non vanno in letargo, cosa che invece attiene alla sua specie, ma lo si vedrà spessissimo dormire durante il giorno, conservando comunque delle caratteristiche tipiche. Essendo, come già detto, un animale piuttosto tranquillo, dopo qualche giorno che lo si è portato in casa, inizierà a farsi toccare e prendere, acquisendo sempre più confidenza con il suo amico umano.

In ogni caso, bisogna sempre ricordarsi che si tratta di animali molto delicati e far capire anche ai bambini che non si tratta di un giocattolo, ma va trattato con estremo rispetto e cura. Il criceto russo diventa più attivo durante la notte, quando si diverte a correre sulla ruota posta all’interno della sua gabbietta che deve essere sempre pulita e con segatura o paglia fresche. Infatti questo animaletto ama molto la pulizia. Per bere si serve di una specie di biberon, detto ‘beverino’, dove l’acqua viene erogata goccia a goccia in base alle esigenze del nostro piccolo amico. All’interno della gabbia, deve essere presente necessariamente anche una sua casetta, una sorta di nido dove il criceto possa andare a rifugiarsi. Non ha bisogno di vaccinazioni e mangia di tutto, tranne ovviamente snack e dolci. Ricordarsi, infine, di porre la gabbietta del criceto russo lontana da correnti d’aria e fonti di rumore, in quanto questi elementi possono far ammalare e, in molti casi portare alla morte, l’adorabile animale.

Criceto Russo Nano: caratteristiche e alimentazione