Carlino: caratteristiche, peculiarità e cure.


Origini cinesi. Quali sono le caratteristiche? Abitudini e carattere. Quali cure necessita? Vediamo nel dettaglio il carlino e le sue peculiarità. 

carlino-2


D’ottima compagnia, un pò buffi ma estremamente dolci, tarchiati e dai movimenti oscillanti. La razza del Carlino si rivela essere una delle prime scelte d’acquisto come cane d’appartamento adatto anche alle famiglie con bambini.

Fedele e discreto sicuramente poco “combina guai” ma soggetto a numerose vicissitudini di salute. Originario dell’Oriente, dalla sua diffusione a livello mondiale ha sempre saputo come farsi amare.

Giocarellone senza eguali, questo piccolino viene definito il “cane dei clown“, non solo per il muso buffo ma anche per la sua tendenza a giocare con il padrone ininterrottamente. Vediamo insieme le caratteristiche, lo stile di vita e le cure necessarie da conoscere prima di far entrare nella nostra vita un Carlino.


Leggi anche: Carlino Razza, caratteristiche e scheda

carlino-3


Origini

La razza proviene dall’antica Cina, precedentemente noti come cani “dal muso corto“. Inizialmente trova popolarità nell’impero mongolo, ma la sua diffusione in Europa è iniziata con i commerci cinesi del 1600. I commercianti portavano in dono con sé dei piccoli cani e fu così che iniziò a crescere la sua fama in Occidente.

carlino-6

Da quando la sua fama tocca i paesi anglosassoni diventa status symbol della borghesia alta, avere un carlino al seguito significava essere benestanti ed altolocati. La popolarità massima la trova nel periodo Vittoriano dove l’American Kennel Club lo classifica come cane toy.

Caratteristiche Fisiche

Molto contenuto, quasi dall’aspetto quadrato, ma nonostante questo abbastanza proporzionato. La dimensione ridotta delle zampe gli impone un andamento dondolante a tratti comico. Per sommi capi molto muscoloso, in realtà ha un predisposizione genetica all’aumento di peso per questo bisogna stare attenti alla sua alimentazione.

Caratteristica peculiare è il capo tondo, massiccio e quasi dall’impressione schiacciato, orecchie piccoline e nere corvino. Lo sguardo caratterizzato da occhi rotondeggianti, sporgenti ma estremamente espressivi che solitamente presentano una colorazione scura intensa.


Potrebbe interessarti: Cavalier King Cuccioli: info sulla razza

carlino-5

La Federazione Cinofila Internazionale riconosce quattro sfumature di pelo: fulvio, albicocca, argento e nero. In realtà i primi esemplari arrivati in Europa presentavano un pelo argenteo con strisce scure, da qui il manto fulvio che abbraccia una vasta gamma di colorazioni, dal crema all’albicocca.

Il pelo fine, liscio e morbido viene mantenuto tale con una corretta e periodica toilettatura del cane. Il suo aspetto simpatico viene marcato dalla forma arricciata della coda, il doppio giro infatti diventa dettaglio apprezzato dagli intenditori.

Carlino: caratteristiche, peculiarità e cure.

Modi di fare

Come tutti i cani risulta una razza molto fedele, amichevole ed esuberante. Classico cane da appartamento visto l’affetto ed il calore che necessita ed il suo amore per i bambini. Nonostante sia molto giocarellone tende a stancarsi facilmente soprattutto durante il periodo estivo ed in questo suo aspetto che dimostra il suo codice comunicativo fatto di grugniti e versi nasali, causati dal muso corto e schiacciato.

carlino-10

Anche se a guardarlo si direbbe il contrario, il carlino è un cane molto attivo, ottimo per le gare ad ostacoli o per tranquille passeggiate in bicicletta. Al contempo ama la tranquillità che si ritaglia nella sua cuccia, facilmente lo si sentirà russare quando si ritaglia piccoli momenti di letargia in solitudine.

Questo non significa che scegliere un carlino ci farà ritrovare con un cane da salotto perché in un attimo avremo a che fare con un cane sveglio e pimpante, pronto a scorrazzare irrefrenabilmente soprattutto se qualcosa attira la su attenzione.

Carlino: caratteristiche, peculiarità e cure.

Dal temperamento tranquillo sicuramente non tenderà ad aggredire gli estranei anche se presenta un forte senso di protezione per il suo nucleo familiare, soprattutto in casa si rivela un ottimo guardiano ed avvisatore di presenza di sconosciuti.

La piccola taglia oltre a renderlo adatto alla vita da appartamento vi permetterà anche di portarlo spesso in giro con voi, situazione quasi necessaria vista la sua scarsa propensione a restare da solo. Lasciarlo troppo spesso o per troppo tempo solo può portarlo all’insorgenza di patologie di natura psicologiche, quali depressione o irascibilità.

carlino-7

Cure

Una delle razze più soggette a patologie di natura fisica e psicologica. La sua conformazione o la genetica lo hanno portato nel tempo a sviluppare numerose malattie, che la maggior parte delle volte colpiscono l’apparato respiratorio e la vista, colpita da infiammazioni ed ulcere corneali.

Probabilmente il muso schiacciato e la presenza di numerose rughe profonde portano questa razza a dover fare i conti con la propria salute. Per questa motivazione è opportuno spazzolarlo spesso, tenere ben asciutte le rughe e pulire periodicamente occhi ed orecchie.

carlino-12

Anche se facilmente sarà portato al riposo, abbiate la costanza di fargli svolgere dell’attività fisica periodica che oltre ad evitare un’atrofia muscolare e danni ossei, ridurrà l’insorgenza dell’aumento di peso che può causare un aggravamento dei problemi respiratori.

Attenzione particolare va data ai piccoli della razza, questi messi in relazione con estranei o con altri cani, potrebbero incorrere in situazione spiacevoli a causa di una male interpretazione di gesti e situazioni sconosciute.

Prezzo

Essendo un cane di razza il suo prezzo tende ad essere abbastanza esiguo e dipendente anche dal valore dei genitori. Un carlino dotato di pedigree solitamente presenta un costo che si aggira intorno ai 2000 euro ed onde evitare spiacevoli truffe l’acquisto è consigliato solo da un allevatore certificato e serio. Così facendo si eviterò anche di crescere un esemplare fortemente portato a patologie morfologiche e fisiche.

carlino-13

Il suo costo non prevede solo l’acquisto iniziale ma anche il mantenimento. Le possibili problematiche sanitarie portano spesso ad incontri veterinari inoltre avendo la tendenza a mettere su peso bisognerà cibarlo solo di alimenti adatti e di qualità, spendendo mediamente 30 euro al mese.

Gallerie di immagini per: Carlino caratteristiche, peculiarità e cure.

Simona Commara
  • Laurea in scienze della nutrizione Unical 105/110
  • Socio junior federazione FIF
  • Corsista Personal Trainer certificata
  • Fonte Google News

Commenti: Vedi tutto