Cani randagi, prodigi della natura


Ancora notizie incredibili ci arrivano dal web. E ovviamente, riguardano i nostri amici a quattro zampe, che non smettono mai di stupirci! Questa in particolare, è la storia di un cagnolino randagio, che è stato battezzato con il nome di Xiaosa.

Il fatto si è svolto in Cina, dove un gruppo di ciclisti si stava producendo in una gara piuttosto difficile ed impegnativa: ben 1.700 chilometri in giro per il paese, con partenza dalla provincia di Sichuan fino ad arrivare in Tibet. Una gara estenuante alla quale, fin da subito, si è unito il piccolo cane. Tutto è incominciato dopo che uno dei corridori ha offerto del cibo e dell’acqua a Xiaosa che, da quel momento in poi, ha deciso di seguirli. E il cagnolino randagio ha corso con i ciclisti per ben 24 giorni di fila, percorrendo una media di circa 60 chilometri al giorno! Una situazione che, a un certo punto, avrebbe scoraggiato chiunque. Ma non il piccolo Xiaosa che, come si può anche vedere dal video che circola su internet, pare avesse anche un’espressione piuttosto divertita. Sicuramente, una grande dimostrazione di affetto puro e di fedeltà nei confronti di colui che, per primo, non l’ha scansato ma anzi, lo ha nutrito e gli ha trasmesso il fatto che si potesse prendere cura di lui. E grazie al cielo, questa storia potrebbe avere anche un bellissimo finale: pare che proprio il ciclista che ha innescato in Xiaosa la voglia di correre con il gruppo, abbia deciso di adottarlo. Xiao Yong infatti –questo il nome del ciclista- non se l’è sentita proprio di abbandonare a se stesso questo simpatico cagnolino, soprattutto dopo che gli ha dimostrato una tale fedeltà e forza di volontà. Xiaosa quindi, avrà presto una famiglia tutta sua.


Cani randagi, prodigi della natura

Animali

Commenti: Vedi tutto