Cani per ciechi: razze consigliate

Un amico a quattro zampe può cambiare la vita, portando gioia e amore. Per le persone non vedenti, poi, può essere un alleato indispensabile per avere un po’ di indipendenza. Ecco, quindi, quali sono le razze consigliate di cani per ciechi!

cani-per-ciechi-le-razze-consigliate-9

Fin dal XVI secolo, alcuni cani sono stati addestrati per fare da guida alle persone non vedenti. Durante la prima guerra mondiale, poi, in Germania è nata la prima scuola di addestramento per cani per aiutare i soldati che avevano perso la vista in guerra.

Col tempo, si è capito che un amico a quattro zampe poteva essere un alleato fondamentale per le persone non vedenti e così sono nate varie scuole di addestramento un po’ ovunque. Inoltre, è stato notato che alcune razze, per caratteristiche fisiche e anche caratteriali, sono particolarmente adatte a svolgere questo ruolo.

cani-per-ciechi-le-razze-consigliate-3

Caratteristiche fisiche di un cane per ciechi

Il cane ideale per poter guidare le persone non vedenti deve avere delle determinate caratteristiche fisiche. La prima cosa da valutare è la sua taglia. In genere vengono esclusi sia le razze di taglia troppo piccola che quelle troppo grandi. I cani per ciechi, quindi, sono di taglia media.


Leggi anche: Cani per Ciechi: le razze consigliate

Questa scelta è dovuta ad un motivo ben preciso. Bisogna considerare che il cane indosserà una apposita imbracatura che prevede anche una maniglia che deve essere impugnata dal padrone. Affinché riesca a farlo senza troppe difficoltà, il cane deve avere un’altezza proporzionata a quella del suo padrone non vedente.

Ovviamente, poi, il cane deve essere in buona salute ed in grado di percepire tutti gli eventuali pericoli. Generalmente, vengono preferite le femmine ai maschi. Ad ogni modo, però, il cane per non vedenti di solito viene sterilizzato in modo da evitare che diventi irrequieto in determinati periodi.

cani-per-ciechi-le-razze-consigliate-7

Carattere di un cane per non vedenti

Anche il carattere è un aspetto molto importante da considerare quando bisogna scegliere un cane per non vedenti. Infatti, le razze troppo irrequiete e disobbedienti sono nettamente sconsigliate. La scelta ideale, invece, deve ricadere su tutti quei cuccioli che hanno un carattere mansueto e sono facili da addestrare.

Attenzione, però, perché questo amico a quattro zampe deve avere anche un po’ di personalità. Infatti, per essere una buona guida, deve sapere anche quando è il momento di disubbidire il padrone nel caso in cui ciò risulti necessario per fargli evitare un pericolo.


Potrebbe interessarti: Cani per Ciechi, conosciamoli più da vicino

Un buon cane per ciechi, inoltre, deve essere sempre vigile e attento. Anche una buona dose di coraggio è importante, in quanto deve essere in grado di proteggere il suo padrone. Bisogna considerare, poi, che deve uscire ogni volta che ce n’è bisogno, quindi non deve trattarsi di una razza troppo pigra. Altri requisiti indispensabili sono la fedeltà ed un ottimo senso dell’orientamento.

Cani per ciechi: le razze consigliate

Quali sono le migliori razze di cani per ciechi

Una premessa necessaria è che in generale tutte le razze possono essere addestrate come cani da guida per non vedenti. Tuttavia, come abbiamo visto, determinate caratteristiche fisiche e caratteriali sono fondamentali affinché il cane possa compiere questo lavoro al meglio.

Le razze che hanno tutti questi requisiti e che negli anni sono state preferite per accompagnare le persone con problemi di vista sono i Pastori Tedeschi, i Labrador e i Golden Retriever. In alcuni casi, però, anche i Pastori Scozzesi e i Pastori Belga si sono rivelati ottimi cani guida.

In tutti i casi, infatti, si tratta di cani di taglia media, dal carattere buono e coraggiosi. Inoltre, sono facili da addestrare, fedeli al loro padrone e molto attenti.

cani-per-ciechi-le-razze-consigliate-16

Come si addestra un cane per ciechi

Anche se un cane ha tutti i requisiti fisici e caratteriali giusti per accompagnare una persona non vedente, deve prima essere addestrato per farlo. Per prima cosa deve capire quando è il momento di svolgere il suo lavoro. Ad esempio, deve essere consapevole che, ogni qual volta che indossa l’equipaggiamento, è il momento di accompagnare il padrone da qualche parte.

L’addestramento dei cani per ciechi è abbastanza lungo e va dagli 8 mesi fino ad un anno. A questi tempi, poi, bisogna aggiungere il periodo di conoscenza reciproca tra il cucciolo e il padrone che devono imparare a costruire un rapporto di assoluta fiducia. In alcuni centri specializzati, il cane ed il suo futuro proprietario non vedente restano insieme per tutta la durata dell’addestramento in modo che possano imparare a conoscersi.

In questo periodo, al cagnolino verrà insegnato come evitare gli ostacoli che incontreranno lungo il camminino, come ad esempio buche, pali, gradini o tavolini, a condurre il loro padrone dietro comando (dritto, a destra, a sinistra e a tornare indietro girandosi) e ad attraversare la strada quando è libera da automobili. Non meno importante è imparare a non distrarsi nel caso incontri lungo la strada altri animali.

cani-per-ciechi-le-razze-consigliate-14

Cani per ciechi: immagini e foto

Nella galleria sottostante potete osservare le immagini di alcune razze particolarmente adatte a svolgere il ruolo di cane guida per ciechi. Tra questi, Golden Retriever, Labrador, Pastore Tedesco, Pastore Belga e Pastore Scozzese!

 

Federica De Blasio
  • Laurea magistrale in lingue e letterature moderne
  • Autore specializzato in Arredamento
Suggerisci una modifica
Iscriviti alla Newsletter

Ricevi gli aggiornamenti su speciali, guide e novità riguardo il mondo della casa e giardinaggio. Aggiornati dai nostri esperti di botanica e dell'arredo casa.