Animali Esotici, i regali turistici da evitare


Vacanze di Natale: c’è chi non vuole proprio restare in Italia e –potendo permetterselo-, opta per un bel viaggio in un paese caldo. Le vacanze cosiddette ‘esotiche’, continuano ad affascinare gran parte degli italiani e fin qui tutto bene. Ma un’altra ‘abitudine’ molto italiana, è quella di portarsi a casa, da questi viaggi esotici, dei souvenir particolari. Purtroppo, non sempre si arriva preparati in un paese molto diverso dal nostro e a volte si ritorna a casa portandosi dietro un oggetto che magari è costruito utilizzando piante in via di estinzione o animali o parti di animali la cui caccia è vietata addirittura dalla Convenzione Internazionale Cites. Questo fa si che si vada incontro a pesanti sanzioni, oltre a vivere con il rimorso di aver contribuito alla precoce estinzione di piante o animali rari. Per tali ragioni, il Corpo Forestale dello Stato ha deciso di mettere in atto tutta una serie di operazioni atte a sensibilizzare i turisti che si apprestano a visitare paesi esotici, in modo tale da far si che non diventino automaticamente complici di gravi perdite di specie in via di estinzione o peggio ancora, traffici illegali. Il Corpo Forestale ha anche presentato un video che verrà divulgato a circuito chiuso in tutti quei luoghi di partenza per luoghi esotici, come gli aeroporti con tratte verso varie zone dell’Africa e i porti internazionali. Il video in questione si intitola ‘Un Viaggiatore Consapevole’ ed è una sorta di vademecum per aiutare i turisti nel non incappare in pesanti sanzioni e rispettare la natura e l’equilibrio del luogo visitato.

 

Animali Esotici, i regali turistici da evitare

Animali
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger
Google News

Il meglio di Casaegiardino.it

Ricevi gratuitamente la newsletter con le migliori guide ed articoli esclusivi.

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta