Animali Esotici Abbandono: un fenomeno in crescita


Accanto al triste fenomeno dell’abbandono di cani e gatti, cui assistiamo purtroppo ogni estate, ora se n’è aggiunto un altro, altrettanto drammatico: l’abbandono di animali esotici. Si, perché sempre più spesso e volentieri, questi animali vengono importati –non di rado in maniera illegale- nel nostro paese. Ma, trattandosi comunque di animali non proprio comuni, arriva un momento in cui i loro proprietari non riescono più a gestirli, così vengono abbandonati, esattamente come cani e gatti. Fino ad oggi però, le strutture che potrebbero occuparsi di questi animali così particolari (si parla di pappagalli, iguana, serpenti, etc.), non erano adeguate a fronteggiare questa situazione. La fauna selvatica infatti, ha bisogno di alcune cure particolari! Così, la Regione Friuli Venezia Giulia, ora ha deciso di prendere provvedimenti a riguardo e, dalla Giunta regionale Serracchiani, stanno per arrivare dei fondi pubblici che serviranno per mettere su un vero e proprio centro di recupero dedicato esclusivamente agli animali esotici abbandonati (si parla di un massimo di 40 mila euro). La struttura in questione, sarà presto individuata tra quelle già esistenti, attraverso un bando. In definitiva, non si sta facendo altro che trovare il sistema per attuare finalmente la legge dell’ottobre del 2012, che si occupa della tutela degli animali da affezione, estendendola anche agli animali esotici –visto che di fatto, questi poveri animali vengono anch’essi presi in casa con noi, per poi essere abbandonati, alla stregua di cani e gatti…-. Insomma, si tratta di una iniziativa sicuramente lodevole che finalmente vuole prendersi cura di tutti i tipi di animali e fronteggiare così il triste fenomeno degli abbandoni che, si spera, diventi un’abitudine sempre più rara…

iguana

 

Animali
  • Redattore specializzato in Casa e Giardinaggio
  • Scrittore e Blogger

Google News

Il meglio di Casaegiardino.it

Ricevi gratuitamente la newsletter con le migliori guide ed articoli esclusivi.

Commenti: Vedi tutto

Lascia una risposta